A- A+
Milano

Sono 150 le vetture con cui, nel fine settimana, ha debuttato a Milano 'Car2go', un servizio di car sharing nuovo in Italia, libero e senza obbligo di prenotazione ne' limiti di parcheggio. Domani, alle 12 in piazza XXIV maggio, saranno il sindaco del capoluogo lombardo, Giuliano Pisapia, e l'assessore alla mobilita', Pierfrancesco Maran, a dare il benvenuto al nuovo servizio, arrivato in citta' grazie a un avviso pubblico diffuso a giugno da palazzo Marino

La registrazione a 'Car2go' costa 19 euro e per l'uso della macchina si pagano 0,29 euro al minuto; la tariffa oraria e' di 14,90 euro e si puo' arrivare a un massimo di 59 euro per tenere l'auto per 24 ore. I membri registrati al servizio possono individuare la vettura piu' vicina attraverso l'applicazione per smartphone dedicata; terminato il noleggio, possono parcheggiarla ovunque all'interno dell'area operativa di 'Car2go', che coincide con i confini della citta' di Milano. Nato nel 2008 in Germania, 'Car2go' e' attivo in 19 citta' europee e nordamericane e conta nel mondo circa 350 mila clienti.

Tags:
car sharing







A2A
A2A
i blog di affari
Le radici dell’Architettura
di Mariangela Turchiarulo
Green pass, il futuro del nuovo biocapitalismo della sorveglianza
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Obbligo Green pass decisione liberale
L'OPINIONE di Ernesto Vergani


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.