A- A+
Milano
Agricoltura, il riso lombardo è con l'acqua alla gola

Il riso lombardo ha l'acqua alla gola. Da Pavia a Milano, dal Lodigiano alla Lomellina fino al Mantovano sono iniziati in questi giorni gli allagamenti delle "vasche", i terreni dove le piantine che hanno raggiunto gli 8 centimetri di altezza cresceranno per i prossimi mesi sino al raccolto di settembre che, se tutto procede nella norma, dovrebbe superare le 500 mila tonnellate.

I margini sempre più risicati di guadagno però - spiega la Coldiretti Lombardia - hanno provocato dal 2013 la "cancellazione" di oltre 11 mila ettari coltivati a livello regionale, con una perdita di quasi il 12% delle superfici e un sostanziale stallo per quest'anno. La Lombardia in ogni caso - spiega la Coldiretti - continua a rappresentare più del 40% degli oltre 216 mila ettari coltivati a riso in Italia.

"Noi terremo l'acqua fino al 25 agosto e dalla metà di settembre prevediamo la raccolta, anche se dipende sempre dal meteo" spiega Giorgio Carenini, 46 anni, con 85 ettari a riso al Zinasco, alle porte della Lomellina pavese. "Il tempo non è stato caldissimo quindi molti hanno scelto di seminare in asciutta e adesso hanno iniziato a fare entrare l'acqua" spiega Paolo Braschi, risicoltore di Vistarino, in provincia di Pavia.

Fra Gaggiano e Vermezzo (in provincia di Milano) anche Fabio Camisani ha cominciato ad allagare i suoi 141 ettari coltivati principalmente a Carnaroli, una delle varietà più pregiate. "Un numero crescente di agricoltori decide di coltivare in asciutta - spiega Braschi - perchá servono meno lavorazioni e si riducono i costi". Infatti le quotazioni non sempre coprono le spese, in particolare per le varietà Indica, quest'anno a 25 euro al quintale.

Mentre il Carnaroli oscilla fra i 60 e i 65 euro al quintale e l'Arborio fra i 52 e i 68 euro al quintale. Il tutto con una situazione a livello regionale - spiega la Coldiretti Lombardia - che dal 2013 a oggi ha visto le superfici passare da 98.842 ettari a 87.392. Il record al ribasso spetta al Lodigiano dove si è perso quasi il 48% con la cancellazione di quasi mille ettari di risaie (da 2.082 a 1.088), a Mantova si è scesi da 1.182 a 904 ettari con una perdita del 23,5%, mentre a Milano il calo ha sfiorato il 15% (da 13.522 a 11.529). Negative anche la Lomellina con un meno 7,73% (da 62.918 a poco più di 58 mila ettari) e il Pavese con meno 17,35% (da 19.131 a 15.812 ettari).

Tags:
risoagricoltura







A2A
A2A
i blog di affari
Il braccio robotico di Perseverance alla ricerca di segni di vita su Marte
di Maurizio Garbati
Green pass obbligatorio, nuovo mezzo di schedatura totalitaria dei sudditi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Coordinatore genitoriale, tribunale lo impone: chi è? Posso rifiutarmi?
di Michela Carlo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.