A- A+
Milano
Bandiera Regione, serve un tavolo di lavoro, ironie del Pd

La commissione Affari istituzionali del Consiglio regionale lombardo ha deciso di istituire un gruppo di lavoro per dotare la Regione di una bandiera ufficiale. La commissione doveva discutere mercoledì 1 aprile i due progetti di legge depositati finora, uno dalla Lega del 2013 e uno dalla maggioranza di centrodestra presentato nelle scorse settimane. Il relatore Stefano Bruno Galli (lista Maroni presidente), pero', ha chiesto e ottenuto la costituzione di un gruppo di lavoro per arrivare a un progetto comune. Il documento presentato dalla maggioranza, che prevede l'istituzione di una bandiera lombarda con la rosa camuna affiancata da una croce di San Giorgio in verticale, e', infatti, stato sostanzialmente 'bocciato' nei giorni scorsi sia dal governatore leghista Roberto Maroni sia dal presidente del Consiglio regionale Raffaele Cattaneo, di Nuovo centrodestra (entrambi originari di Varese, i due esponenti di spicco della maggioranza avevano detto di preferire la sola rosa camuna, attuale simbolo della Regione, alla versione con anche la croce di San Giorgio, vessillo di Milano).

La decisione della maggioranza di costituire un gruppo di lavoro in commissione e' stata pero' criticata dal Pd. "Ormai si va avanti a colpi di gruppo di lavoro - ha sostenuto il consigliere democratico, Fabio Pizzul -. Siamo di fronte una maggioranza in crisi d'identita' araldica e politica. Se non si trova la quadra neppure sulla bandiera, figuriamoci sul resto". Pizzul ha poi aggiunto che "anche stavolta il Pd non partecipera' al gruppo di lavoro" perche' "rimaniamo convinti dell'inutilita' di questa operazione: ci sono questioni più importanti su cui concentrare energie e risorse".

Tags:
stefano bruno gallifabio pizzulregione lombardiarosa camunaroberto maroni raffaele cattaneo







A2A
A2A
i blog di affari
E' nata la figura del “Servo di Stato”. Con Draghi il popolo diventa cagnolino
di Maurizio De Caro
"Tutti in presenza". Nessun obbligo vaccinale per la scuola
Passa la linea Draghi: via libera all'agenzia cyber


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.