A- A+
Milano

Da arcipelagomilano.org

La nostra associazione* si batte da tempo contro la costruzione in Lombardia di “ecomostri”, cioè di edifici di grandi dimensioni e altezze che sostituiscono manufatti solitamente a un piano (garage, officine, laboratori, ecc .) e che non rispettano il contesto urbanistico in cui s’inseriscono, arrecando grave danno agli abitanti degli edifici circostanti e togliendo loro spazio, luce, sole e privacy. La situazione è aggravata nei casi, molto frequenti, in cui i manufatti predetti si trovano all’interno di cortili, il che rende le nuove costruzioni particolarmente invasive e oltraggiose.

barbarino_23Ciò è stato reso possibile da scellerate leggi della Regione Lombardia che hanno permesso di derogare altezze, volumi e sagome degli edifici preesistenti ed hanno consentito una speculazione edilizia indegna di un Paese civile e di una città come Milano, che si vanta di essere il motore economico della nazione. L’opposizione dei cittadini a questo stato di cose ha ottenuto alcuni provvedimenti che hanno posto un freno a questo insulto al vivere civile:

- la sentenza 309/2011 della Corte Costituzionale che ha stabilito l’illegittimità della legge della Regione Lombardia che consentiva, nei casi di ristrutturazione, di superare il vincolo di sagoma, vincolo che è basilare per rispettare il contesto urbanistico di riferimento

- l’inserimento nel PGT del Comune di Milano di una norma in base alla quale l’edificazione in tutto o in parte nei cortili deve essere di altezza inferiore o pari a quella dell’edificio preesistente.

Quando è uscita la predetta sentenza, il Presidente dell’ANCE ebbe a dichiarare alla stampa la propria contrarietà rispetto alle conseguenze della stessa e la convinzione che, per “rimediare” alla situazione, si sarebbe dovuto agire, a livello nazionale, per cercare di modificare le norme del testo unico per l’edilizia.

Tale dichiarazione annunciava un’azione lobbystica, di cui abbiamo avuto notizia nello scorso anno, che pare aver avuto successo, visto il contenuto del recente “Decreto del fare” approvato dal Governo. In tale provvedimento, infatti, all’art.37 “c’è una norma apparentemente inoffensiva, ma virtualmente distruttiva. Laddove si stabilisce, infatti che nelle operazioni di demolizione e ricostruzione degli edifici non sarebbe stato più necessario rispettare la vecchia sagoma” (Francesco Grignetti, La Stampa 15/6/2013). Norma che “non è piaciuta assolutamente a chi istituzionalmente deve difendere il paesaggio” (stessa fonte). E tale norma non piace neppure ai cittadini perché in questo modo un’anomalia della Regione Lombardia – che in questa regione ha determinato conseguenze negative molto evidenti – diventa legge dello Stato e porta un gravissimo problema in tutto il Paese. Si rischia, con la scusa del rilancio dell’edilizia e della semplificazione, in sé auspicabili, di consentire un autentico “Far West” in cui vige la legge del più forte.

Invitiamo, pertanto sia il Governo che il Parlamento a revocare tale norma ed anche quella che consentirebbe di fare questo tipo di operazioni non più con “permesso di costruire” ma con una semplice “dichiarazione d’inizio attività”.

La nostra Rete si sta raccordando con il Coordinamento dei Comitati milanesi, con analoghe associazioni di altre città italiane e con enti e movimenti ambientalisti al fine di fare una dura opposizione a tali norme in tutte le sedi opportune se quanto previsto non sarà adeguatamente corretto per evitare danni gravi e irreparabili su tutto il territorio nazionale.

Restiamo in attesa di conoscere le iniziative che verranno prese dalle Istituzioni e dalle Forze politiche più responsabili e attente ai veri interessi dei cittadini.

Cordiali saluti.

Il portavoce

Roberto Barabino

*Rete dei Comitati per la Qualità Urbanistica

retecomitatiqualitaurbanistica@gmail.com

Tags:
letta






A2A
A2A
i blog di affari
Il federalismo per salvare la democrazia italiana
Di Ernesto Vergani
AIUTI PER I VOLONTARI, AUDIT ENERGIA, DONATORI SANGUE, INCENDI
Boschiero Cinzia
PENSIONI INTEGRATIVE EUROPEE, WELFARE, FONDI PER SCUOLA E MIGRANTI
Boschiero Cinzia

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.