A- A+
Milano
Casa: le banche tornano a concedere i mutui

Nel terzo trimestre del 2014 le famiglie italiane hanno ricevuto finanziamenti per l’acquisto dell’abitazione per 5.746,2 milioni di euro, in aumento del 15,7% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, per un controvalore di +780 mln di euro. È quanto emerge dai dati riportati nel Bollettino Statistico IV-2014 pubblicato da Banca d’Italia nel mese di Gennaio 2015. In questi ultimi mesi si registrano segnali positivi per il mercato del credito per le abitazioni. Per il terzo trimestre consecutivo l’andamento delle erogazioni fa registrare un segno positivo, questa volta con variazioni a due cifre, confermando e accentuando la tendenza al miglioramento iniziata l’anno scorso. La domanda di mutui da parte delle famiglie è in crescita da luglio 2013 e la Banca Centrale Europea sta operando ormai da tempo per sostenere le erogazioni di finanziamenti sia alle famiglie sia per le imprese.

Il settore è ancora condizionato dalla situazione economica e finanziaria del Paese. In particolare sarà determinate l’andamento del mercato del lavoro e del clima di fiducia delle famiglie. L’offerta bancaria è in lieve miglioramento, si registrano in particolare riduzioni degli spread sui mutui ipotecari destinati alla prima abitazione. Dal lato della domanda, le famiglie hanno progressivamente mostrato una maggiore propensione alla richiesta di finanziamenti nel corso del 2014. Le politiche di erogazione resteranno per tutto il 2015 prudenziali. La qualità del portafoglio degli istituti di credito sarà un fattore determinate che condizionerà le scelte di erogazione. Per il 2015 prevediamo un andamento delle erogazioni in lieve miglioramento rispetto a quanto rilevato nel 2014.
 

Tags:
casabanchemutui







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, a cosa serve realmente la tessera verde?
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.