A- A+
Milano
Città metropolitana, la sfida più importante. Di Pietro Bussolati

di Pietro Bussolati
(discorso di insediamento del consiglio comunale di Melzo)

Al consigliere anziano compete l’onore di aprire i lavori del Consiglio che si insedia questa sera e di formulare a tutti noi gli auguri di buon lavoro.

 Saluto anzitutto i consiglieri comunali, quelli che tornano in quest’aula dopo la competizione elettorale e i tanti che, come me, per la prima volta siedono in questi banchi. È un aspetto, quello del rinnovamento di questa assemblea, che mi piace sottolineare ricordando come sia importante per la politica attrarre sempre nuove forze e risorse che hanno a cuore il destino della propria comunità.

 Saluto il Sindaco e la Giunta comunale, che tra poco sarà presentata al Consiglio, ai quali rivolgo altrettanti auguri per il loro ruolo di guida dell’Amministrazione, in un periodo particolarmente critico, come noto, per la scarsità delle risorse economiche che lo Stato destina agli enti locali e per l’aumento delle situazioni di difficoltà e di disagio sociale alle quali saranno chiamati a far fronte: è lo stesso convincimento del Capo dello Stato Giorgio Napolitano che intervenendo alla XXX Assemblea dell’ANCI lo scorso ottobre ricordava come “sul piano istituzionale, i Comuni … costituiscono il fronte più vicino ed esposto alle sfide della quotidianità, a tutte le manifestazioni di malessere sociale e civile e alle istanze che ne scaturiscono, così come alle emergenze naturali e ambientali che scoppiano improvvise o che si è nel tempo mancato di prevenire come sarebbe stato possibile e giusto”. In quest’impegno, ne sono sicuro, tutta l’Amministrazione comunale troverà quest’aula e le sue differenti posizioni politiche al proprio fianco per il bene della Città.

 Saluto infine i cittadini melzesi presenti così numerosi questa sera e che hanno voluto presenziare a questa prima ed importante seduta, ricordando a noi tutti che il loro voto ci consegna l’onore di sedere in questo Consiglio. Quest’aula rappresenta tutti voi, garantendo il primo luogo di democrazia della comunità cittadina e qui ciascuno dei cittadini di Melzo deve sentirsi a casa propria.
 Vi invito quindi a continuare a partecipare alle nostre sedute, non facendo mai venir meno il vostro sostegno o la vostra voce critica, per aiutare il Consiglio a perseguire in ogni suo atto l’interesse della Città.

 Dopo le riforme degli enti locali dei due decenni passati, il ruolo delle assemblee rappresentative è stato fortemente ridimensionato e troppo spesso travisato nella mera funzione di ratifica dell’operato dell’esecutivo. Credo molto, invece, che il Consiglio comunale debba riconquistare tutte le proprie prerogative ed esercitare fino in fondo quell’alto ruolo di indirizzo politico e di controllo che le leggi gli assegnano. In questo senso, non ho dubbi che la Giunta che questa sera inizia il proprio percorso sarà sempre pronta a confrontarsi e ad ascoltare tutte le opinioni che proverranno dal lavoro di quest’aula, riservando loro tutta la dovuta considerazione.

 Lascio a chi guiderà il Consiglio comunale tracciare le linee principali dell’azione che caratterizzeranno il nostro impegno.

 Mi sia consentito tuttavia un ultimo riferimento personale alla mia presenza in questi banchi. Quando ho assunto la responsabilità di guidare il Partito Democratico dell’Area metropolitana milanese ho da subito impegnato la mia forza politica nella costruzione della Città metropolitana di Milano, considerandola la prova che tutti insieme dobbiamo superare – senza ulteriori ritardi – perché o siamo finalmente in grado di integrare le nostre forze a livello metropolitano, che è oggi l’unico ambito realmente efficiente per dare risposte ai bisogni e alle opportunità dei cittadini, o lasciamo senza futuro il destino dei nostri territori. Come sapete, la legge prevede che la nuova Città metropolitana sia governata da un consiglio formato da 24 componenti, eletti dai sindaci e dai consiglieri comunali di tutta l’area vasta tra le proprie fila.

 Da questa previsione normativa sorge la mia candidatura a consigliere comunale, per la quale – permettetemi di farlo – rivolgo un sincero ringraziamento al Circolo di Melzo del mio Partito che ha da subito creduto in questa sfida e ai 200 elettori che mi hanno dato la loro fiducia. Anzitutto per loro, ma anche per il resto della comunità di Melzo, aggiungo una considerazione. Quando la militanza politica aveva un significato diverso e i partiti erano vere scuole di formazione della classe dirigente chiamata a guidare l’azione pubblica, il personale politico iniziava il proprio percorso, la “gavetta”, nei consigli comunali delle città di provincia, perché in queste sedi si imparava sia l’amministrazione locale sia il confronto con posizioni diverse dalle proprie. Oggi quella carriera non esiste più, come alcuni sanno io stesso non sono un politico di professione e lavoro all’ENI occupandomi di qualità del servizio ai cittadini e di tutela della concorrenza, ma ho voluto mettermi in gioco e ripercorrere quell’esperienza perché la buona politica, è vero, parte proprio da qui. Don Lorenzo Milani, nella sua stupenda Lettera ad una professoressa, scrive “Ho imparato che il problema degli altri è uguale al mio. Sortirne tutti insieme è politica. Sortirne da soli è avarizia”, anche per questo è importante che Melzo sappia che io mi sforzerò di rappresentarla al meglio non solo in quest’aula ma anche in seno al Consiglio metropolitano, se lì sarò eletto.

 Al Consiglio comunale, al Sindaco e ai suoi assessori e a tutta la cittadinanza, ancora auguri di buon lavoro.
 Viva la città di Melzo, viva l’Italia!

Tags:
pietro bussolati







A2A
A2A
i blog di affari
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli
Alkemia sigla contratto triennale con l’India per materie prime


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.