A- A+
Milano

Un consigliere lombardo del Movimento 5 Stelle e' stato richiamato durante la seduta dell'aula perche' non indossava la giacca. Il regolamento del Consiglio lombardo, infatti, impone ad assessori e consiglieri di indossare la giacca in aula mentre Andrea Fiasconaro (M5S), 24 anni, si e' presentato in camicia e maglione grigio. A riprenderlo, durante i lavori dell'assemblea di questa mattina, e' stato il presidente del Consiglio Raffaele Cattaneo (Pdl) che comunque non lo ha allontanato dall'aula: "Il regolamento in vigore impone ad assessori e consiglieri l'obbligo di indossare la giacca in aula. Per oggi possiamo considerare quella del consigliere Fiasconaro una non conoscenza".

L'obbligo della giacca era stato introdotto nella scorsa legislatura dall'ex presidente del Consiglio regionale Davide Boni (Lega Nord), dopo alcuni episodi come, ad esempio, la consegna di una maglietta con una scritta goliardica da parte di Stefano Zamponi (Idv) a Nicole Minetti (Pdl). Poco prima di riprendere Fiasconaro, Cattaneo aveva anche richiamato all'attenzione alcuni assessori che stavano parlando tra di loro.

Tags:
m5sparlamento







A2A
A2A
i blog di affari
Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli
Alkemia sigla contratto triennale con l’India per materie prime
Covid, lockdown in autunno: la colpa sarà dei non benedetti dal siero
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.