A- A+
Milano
Cremona, questura e prefettura contro il sindaco: sì a concerto dei 99 Posse

Almeno mezzo milione di danni lungo via Dante e zone limitrofe, sei sedi di istituti bancari vandalizzati con vetrate prese a mazzate, bancomat infranti, scritte ingiuriose. Sono le conseguenze più evidenti del corteo di sabato 24 gennaio che ha sconvolto Cremona. A manifestare, il popolo dei centri sociali, sceso in strada dopo l'aggressione subita il 18 gennaio da Emilio Visentin, entrato in coma a seguito del pestaggio subito da esponeni di Casa Pound durante gli scontri a margine della partita Cremonese-Mantova

Mentre sui social si diffonde l'hashtag #jesuisCremona, infuria la polemica. «Le autorità competenti hanno autorizzato una manifestazione che non si doveva permettere. Che il corteo annunciato come “pacifico” non potesse essere tale non era difficile da capire», commenta Fausto Casarin, presidente Confcommercio. Il sindaco Gianluca Galimberti usa parole dure nei confronti del centro sociale Dordoni promotore del corteo: «Si è rotto è un rapporto con la città. Con soggetti che si comportano in questo modo è impossibile ogni dialogo. Verrà rivisto tutto il piano delle convenzioni, peraltro scadute».

Ma il Dordoni resta fermo sulle proprie posizioni: «I danneggiamenti - recita un  comunicato dedicato agli incidenti - di banche e del comando della polizia locale, avvenuti sul finire del corteo, erano ampiamente evitabili; ma in un corteo di tali dimensioni non potevamo controllare tutto. Che cosa ci si poteva aspettare dopo la gravissima aggressione di domenica 18, quando sessanta fascisti hanno lasciato in fin di vita Emilio». Ad alimentare la tensione un commento pubblicato dai 99 Posse, band che si esibirà in concerto giovedì sera al Dordoni per raccogliere fondi destinati alle cure di Visigalli: «Onore a chi lotta. Più bastoni, meno tastiere».

Il sindaco Galimberti avrebbe voluto far annullare il concerto della band napoletana, ma questura e prefettura hanno invece dato il via libera. Accolta la riciesta del centro sociale Dordoni, poiché l'evento si terrà in uno spazio privato e non sussistono motivi per impedirne lo svolgimento.

 

Tags:
cremonadordonicasapound







A2A
A2A
i blog di affari
Salento: pastella, cozze aperte all’ampa... Chi l'ha detto che si mangia male?
di Francesca Micoccio
Green pass obbligatorio e lockdown annunciati: il ritorno alla nuova normalità
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Il braccio robotico di Perseverance alla ricerca di segni di vita su Marte
di Maurizio Garbati


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.