A- A+
Milano
Crescono i ricavi di Fiera Milano: +4% a 138 milioni

Dichiara l’amministratore delegato Enrico Pazzali: “Il primo semestre dell’anno si è chiuso per il Gruppo Fiera Milano con dati di segno contrastante, che in gran parte riflettono le criticità non ancora superate dell’economia. Ricavi e margine operativo lordo evidenziano una buona reattività rispetto al 2013 anche per la presenza della biennale Mostra Convegno Expocomfort. Per quanto riguarda le attività svolte sui mercati extraeuropei, si registra nel periodo una flessione principalmente ascrivibile alle attività in Brasile, ma viene confermata l’attesa di risultati sull’anno in miglioramento rispetto al passato esercizio. Il contesto generale in cui dobbiamo operare resta però caratterizzato, in particolare nel mercato interno e a livello Europa, dalla debolezza della domanda e dall’incertezza sugli esiti di una crisi di cui non si intravvede ancora il punto di svolta. In questo scenario, che si proporrà anche nel secondo semestre, l’attenzione di Fiera Milano resta focalizzata su interventi che ci consentano di affrontare nel modo migliore il presente, ma ancor più di prepararci al futuro: ampliamento del portafoglio manifestazioni; continuo upgrading delle mostre; valorizzazione dell’attività congressuale; valorizzazione degli investimenti fatti all’estero. In questo senso registriamo con soddisfazione il trasferimento a Fiera Milano da settembre di Lineapelle, leader mondiale nella lavorazione dei pellami, e gli ottimi recenti progressi nella preparazione di Milano Auto Show, a dicembre; il successo del debutto di HOMI, che ha raccolto il testimone da Macef rilanciandolo, e l’operazione in corso di riprogettazione e riposizionamento di Bit; la scelta da parte del Governo del nostro centro congressi MiCo come sede dei vertici politici del semestre di presidenza italiana dell’Unione Europea (che è stata anche l’occasione per l’ammodernamento di una parte del complesso congressuale)”.

Il Consiglio di Amministrazione di Fiera Milano SpA, riunitosi oggi sotto la presidenza di Michele Perini, ha approvato la Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2014.

Il Gruppo Fiera Milano chiude il semestre con risultati in parziale miglioramento rispetto al corrispondente periodo del 2013, in particolare per quanto riguarda ricavi e margine operativo lordo, principalmente grazie all’importante biennale Mostra Convegno Expocomfort (settori impiantistica ed energia), nonché ai buoni risultati registrati dal Salone del Mobile e dalle mostre della filiera moda. Queste favorevoli dinamiche hanno più che compensato i fattori negativi rappresentati dall’assenza della biennale direttamente organizzata Tuttofood, che ha luogo negli anni dispari; dalla debolezza delle manifestazioni proprietarie Bit e HOMI, la prima oggetto di un riposizionamento che culminerà nel 2015 in un format completamente rinnovato, e la seconda influenzata dai costi non ricorrenti per il lancio e l’internazionalizzazione della manifestazione, che raccoglie l’eredità di Macef; dal lieve cedimento dell’attività estera, che assume connotazioni più marcate in Brasile, a causa sia della cancellazione di alcune mostre sia del decremento della domanda di spazi espositivi. Per far fronte tempestivamente alla situazione è stata implementata una profonda riorganizzazione della consociata brasiliana, che ha comportato nel periodo in esame oneri non ricorrenti, ma da cui sono attese positive ricadute già nel breve termine. Nell’ambito delle commesse legate all’evento Expo 2015, Fiera Milano sta progettando gli allestimenti delle Aree tematiche (Padiglione Zero, Future Food District, Children Park, Parco della Biodiversità) e del Padiglione Italia.

Il 31 marzo 2014 sono stati stipulati con la controllante Fondazione Fiera Milano i nuovi contratti di locazione dei poli espositivi di Rho e di Milano città. Per il primo è stata concordata una riduzione del canone di locazione di 2,0 milioni di euro nel secondo semestre 2014 e di 14,0 milioni di euro all’anno a partire dal 2015. Il canone è pertanto fissato in 24,4 milioni per il secondo semestre 2014 e in 38,8 milioni dal 2015, aggiornato annualmente sulla base del 100% della variazione dell’indice ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati. Limitatamente al 2015, in considerazione dello svolgimento di EXPO e delle ricadute positive che l’Esposizione universale potrà determinare sul business fieristico di Fiera Milano, sarà riconosciuta a Fondazione Fiera Milano un’eventuale componente aggiuntiva di canone nell’ipotesi in cui il fatturato realizzato da Fiera Milano SpA nel 2015 sia superiore a quello medio realizzato nel triennio 2012-2014. In particolare, Fiera Milano riconoscerà un canone di locazione aggiuntivo, nella misura pari al 15% della predetta differenza di fatturato, fino all’importo massimo di 10,0 milioni di euro. Con riferimento al quartiere espositivo di Milano, le parti hanno concordato di confermare il canone di locazione vigente, pari a 2,85 milioni di euro per anno, aggiornato annualmente sulla base del 100% della variazione dell’indice ISTAT.

Nel semestre si sono tenute nei due Quartieri fieristici di fieramilano e fieramilanocity 28 manifestazioni e 16 eventi relativi a convegni con annessa area espositiva. I metri quadrati netti espositivi occupati sono stati 744.710 contro i 752.365 dell’analogo periodo dell’esercizio precedente, mentre il numero degli espositori passa da 12.380 del primo semestre 2013 a 12.095 del primo semestre 2014. All’estero si sono svolte 25 manifestazioni con una superficie espositiva netta occupata di 134.915 metri quadrati (141.655 metri quadrati nel corrispondente periodo del precedente esercizio). Il numero degli espositori passa da 3.665 del primo semestre 2013 a 3.675 del primo semestre 2014.

 

Tags:
fiera milano







A2A
A2A
i blog di affari
Luoghi dell’anima: le “piccole case” di Bruno Messina
di Mariangela Turchiarulo
FSBA: ANNULLATE LE SENTENZE DEL TAR DEL LAZIO
Green pass, non l’avete capito? Non serve a controllare il virus, ma voi
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.