A- A+
Milano
Expo, stangata per le residenze universitarie: affitti su del 44%

Da 450 a 650 euro: questo il rincaro della tariffa mensile sul "listino" della foresteria degli studenti per i sei mesi di Expo. Un aumento del 44%, quindi, per le residenze universitarie stabilito dal consorzio pubblico universitario Cidis che gestisce gli alloggi a Milano e Varese per gli studenti fuori sede e che sta già suscitando polemiche. Tanto che gli studenti hanno segnalato il tutto con una lettera aperta al consiglio di amministrazione e al rettore della Statale, di Milano Bicocca e dell'Università dell'Insubria, i tre atenei serviti dal consorzio. L'accusa è insomma di utilizzare Expo per fare cassa sugli alloggi universitari come fossero hotel. La replica è che le tariffe-Expo riguarderanno solo prenotazioni da parte di professori e tutor, con una disponibilità di soli 50 posti. Ma gli studenti non si fidano e temono comunque di esseri costretti al "trasloco" in edifici "fatiscenti" o lontani dalle università per fare spazio ai nuovi arrivati attirati dall'esposizione

Tags:
exporesidenze universitariebicoccainsubriastatalecidisstudenti







A2A
A2A
i blog di affari
FSBA: ANNULLATE LE SENTENZE DEL TAR DEL LAZIO
Green pass, non l’avete capito? Non serve a controllare il virus, ma voi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Oggetto sociale srl: più è ampio, meno paghi
Gianluca Massini Rosati


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.