A- A+
Milano
Fabrizio Corona, altro rinvio sulla scarcerazione

E' stata rinviata l'udienza davanti al giudice del Tribunale del Riesame di Milano sulla richiesta di detenzione domiciliare presentata dalla difesa di Fabrizio Corona. La decisione sull'uscita o meno dal carcere dell'ex paparazzo, che sta scontando una pena di 13 anni e 2 mesi per diversi reati accumulati, slitta perche' l'avvocato Ivano Chiesa, difensore di Corona, ha chiesto piu' tempo per approfondire e studiare la perizia psichiatrica disposta dai giudici sul suo assistito.

Era stato lo stesso Chiesa, a gennaio, a presentare istanza per far concedere a Corona gli arresti domiciliari o, in alternativa, il recupero presso la comunita' Exodus di don Mazzi. Secondo Chiesa, le condizioni di Corona, che soffrirebbe di depressione, psicosi, ansia e attacchi di panico, sarebbero incompatibili con il carcere. I giudici avevano disposto a loro volta una perizia psichiatrica all'esperto Fabio Gala, che ha depositato la sua relazione il 10 aprile scorso.

Tags:
fabrizio corona







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.