A- A+
Milano
Falsi incidenti e "malattia" retribuita: condannati due funzionari di Polizia

Condannati in primo grado a un anno e quattro mesi di reclusione per concorso in truffa aggravata: nei guai Luca Gazzilli, vicequestore aggiunto e attuale coordinatore del commissariato di Garibaldi-Venezia, e l'ispettore capo Salvatore Pizzuto. I due funzionari della Polizia di Stato avrebbero inscenato finti incidenti stradali con l'ausilio di un complice, per ottenere soldi dall'assicurazione e guadagnare il diritto a centinaia di giorni di malattia, oltre all'indennizzo di servzio extra del ministero dell'Interno. Gli episodi sarebbero iniziati nel 2006, con un impatto creato ad arte il 22 giugno contro un autocarro, per il quale Pizzuto si era assentato da lavoro per 236 giorni, mentre Gazzilli era mancato per 225 giorni. Un raggiro costato al Viminale 98mila euro di danno patrimoniale e 15mila euro tra riparazione della vettura e «risarcimento del centro liquidazione danni». Disposta la confisca di 36mila 800 euro al vicequestore aggiunto e di 36mila all’ispettore, oltre al pagamento del «risarcimento dei danni morali e materiali subiti dal ministero da liquidarsi in separata sede». Immediatamente esecutiva, inoltre, una «provvisionale per 80mila euro».

Tags:
truffaincidentepolizialuca gazzillisalvatore pizzuto







A2A
A2A
i blog di affari
Le radici dell’Architettura
di Mariangela Turchiarulo
Green pass, il futuro del nuovo biocapitalismo della sorveglianza
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Obbligo Green pass decisione liberale
L'OPINIONE di Ernesto Vergani


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.