BANNER

Giorgio Gori vuole diventare sindaco di Bergamo. "Corro per Palazzo Frizzoni nel 2014". L'ex manager televisivo ha rinunciato all'assemblea nazionale del Partito Democratico (anche se qualcuno vocifera che lo stop non sia volontario ma imposto da Firenze) e non sarà più capolista dei renziani in città. La decisione di Gori è stata esplicita: "La mia priorità è Bergamo. Sono molto concentrato sulle elezioni comunali del prossimo anno. Sono due anni che mi dedico a questo, non c’è ragione perché ora mi occupi di altro". Ma c'è anche chi sostiene che sarebbe stato lo stesso Renzi ad escludere Gori dalle liste per l’assemblea nazionale.

La scelta di Gori fa sì che nella città orobica si verificherà uno scontro fratricida nelle primarie. Da una parte Elena Carnevali, onorevole bergamasca, dall'altra Giorgio Gori, che in parlamento non è riuscito a entrare. Tuttavia adesso potrebbe essere cambiato tutto, con Renzi in pole position, Bersani fuori gioco. Anche perché sponsor della Carnevali hanno fatto già l'endorsement per Gori, incredibilmente. Come il segretario della Cgil Luigi Bresciani. O il consigliere provinciale Filippo Simonetti. O l’ex consigliere regionale Agostino Agostinelli

2013-11-29T08:31:08.12+01:002013-11-29T08:31:00+01:00truetrue956116falsefalse87Milano/milano4130946910262013-11-29T08:31:08.18+01:009572013-11-30T12:29:28.363+01:000/milano/gori-annuncia-di-volersi-291113false2013-11-30T12:29:25.593+01:00309469it-IT102013-11-29T08:31:00"] }
A- A+
Milano

 

gori 400
 
BANNER

Giorgio Gori vuole diventare sindaco di Bergamo. "Corro per Palazzo Frizzoni nel 2014". L'ex manager televisivo ha rinunciato all'assemblea nazionale del Partito Democratico (anche se qualcuno vocifera che lo stop non sia volontario ma imposto da Firenze) e non sarà più capolista dei renziani in città. La decisione di Gori è stata esplicita: "La mia priorità è Bergamo. Sono molto concentrato sulle elezioni comunali del prossimo anno. Sono due anni che mi dedico a questo, non c’è ragione perché ora mi occupi di altro". Ma c'è anche chi sostiene che sarebbe stato lo stesso Renzi ad escludere Gori dalle liste per l’assemblea nazionale.

La scelta di Gori fa sì che nella città orobica si verificherà uno scontro fratricida nelle primarie. Da una parte Elena Carnevali, onorevole bergamasca, dall'altra Giorgio Gori, che in parlamento non è riuscito a entrare. Tuttavia adesso potrebbe essere cambiato tutto, con Renzi in pole position, Bersani fuori gioco. Anche perché sponsor della Carnevali hanno fatto già l'endorsement per Gori, incredibilmente. Come il segretario della Cgil Luigi Bresciani. O il consigliere provinciale Filippo Simonetti. O l’ex consigliere regionale Agostino Agostinelli

Tags:
giorgio gori







A2A
A2A
i blog di affari
Due ori italiani a Tokyo 2020, ma “ex aequo” Tamberi (un po’) stonato
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Cassazione, trasferimenti immobiliari e crisi coniugali: la sentenza
Green pass, serve a poco se col vaccino posso comunque contagiare
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.