A- A+
Milano

Ci potrebbe essere un errore umano dietro l'incidente avvenuto ieri a Pontida, dove un treno ha travolto un'ambulanza provocando la morte di due persone trasportate e gravissime ferite al conducente del mezzo. La polizia ferroviaria che ha controllato la stazione di Ambivere, l'ultima in cui il treno e' transitato prima di arrivare a Pontida, ha scoperto che la leva che gestisce il passaggio a livello della tragedia era sbloccata e quindi era stata utilizzata in modalita' manuale. Si pensa che un primo intervento manuale su quel passaggio a livello sia avvenuto un'ora prima dell'incidente, quando le sbarre erano rimaste abbassate dopo il passaggio di un treno precedente. E si sia ricorso a quel mezzo per rialzarle, continuando poi a utilizzarle nella stessa modalita' in attesa che venisse riparato il guasto. Un addetto, secondo una prima ipotesi del pm Maria Cristina Rota, potrebbe avere considerato che il treno delle 7,08 per Lecco fosse gia' transitato dal passaggio a livello di Pontida, calcolando pero' male i tempi e alzando le sbarre qualche secondo in anticipo. Dando quindi via libera all'ambulanza, che e' andata incontro al treno.

Tags:
pontidaincidente







A2A
A2A
i blog di affari
Le radici dell’Architettura
di Mariangela Turchiarulo
Green pass, il futuro del nuovo biocapitalismo della sorveglianza
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Obbligo Green pass decisione liberale
L'OPINIONE di Ernesto Vergani


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.