A- A+
Milano
Comuni alla canna del gas, Anci: "Con altri tagli, 2015 insostenibile"

L’Osservatorio Ipsos - Anci Lombardia ha presentato presso la Sala Consigliare del Comune di Bergamo la quinta edizione del Rapporto “Le opinioni dei cittadini e dei sindaci lombardi”. Per il presidente di Anci Lombardia, Roberto Scanagatti, “dal Rapporto emerge un quadro della situazione attuale, nella quale si conferma il trend emerso negli ultimi anni che vede le istituzioni perdere credibilità nei confronti dei cittadini. Questo fenomeno è più marcato nei confronti di quei soggetti percepiti più lontani, come il Governo e le Regioni, mentre si attenua nel caso dei Comuni e dei sindaci, sentiti come le istituzioni più prossime e delle quali ci si può fidare”. Il presidente di Anci Lombardia ha ricordato che dal 2007 a oggi i comuni italiani hanno subito una stretta finanziaria di circa 15,8 miliardi di euro. Questi tagli hanno portato nel quadriennio 2008 - 2012 ad una riduzione degli investimenti lordi dei comuni lombardi di 317 milioni di euro e del 30% a livello nazionale.


“I comuni ogni giorno - spiega Scanagatti - devono garantire servizi indispensabili ai cittadini. Il lavoro del Governo per allentare il patto è stato positivo ma nella legge di stabilità rimangono tagli per 1,2 miliardi di euro che sommati ai 300 milioni tagliati l’anno scorso producono un peso che sarà insostenibile nel 2015 e a farne le spese saranno i più deboli e le necessarie manutenzioni cittadine, dalle strade alle scuole. Di più non si può chiedere ai Comuni. Chiediamo che vengano mantenute e non più ridotte le risorse, che quelle generate dall'Imu rimangano ai Comuni e che ai Comuni vengano indicati dei tetti di spesa, lasciando però agli enti locali l’autonomia di decidere come spendere le risorse, affinché i sindaci possano rispondere ai cittadini - elettori delle scelte fatte”.


Il Sindaco di Bergamo, Giorgio Gori, commentando la tenuta dell’opinione dei sindaci emersa dalla ricerca ha osservato che “la fiducia che i cittadini ancora una volta dimostrano verso i comuni non esime il sindaco dall’assumere tutte le responsabilità di cui è incaricato e che, senza difese corporative, richiede al primo cittadino una migliore capacità di dialogo e di coinvolgimento della cittadinanza, unica via per uscire da questo momento difficile.” "Il confronto con i dati reali disegna una situazione in molti casi più critica per i Comuni lombardi, stretti sotto una manovra di tagli che negli ultimi quattro anni ha raggiunto una quota di circa 1,8 miliardi di euro”, ha aggiunto il capo dipartimento economia locale della Fondazione Ifel, Walter Tortorella.

Tags:
ipsosindaginepolitica







A2A
A2A
i blog di affari
Alkemia sigla contratto triennale con l’India per materie prime
Covid, lockdown in autunno: la colpa sarà dei non benedetti dal siero
L'OPINIONE di Diego Fusaro
E' nata la figura del “Servo di Stato”. Con Draghi il popolo diventa cagnolino
di Maurizio De Caro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.