A- A+
Milano

Dopo il varo della campata che scavalca l'autostrada A8, la cosiddetta “Porta dell'Expo” può considerarsi aperta. Con la posa dell'ultimo ponte, 200 metri di lunghezza per 4 tonnellate di peso, può infatti considerarsi ultimato il complesso sistema di opere concepite per garantire accessibilità stradale al sito EXPO e una migliore circolazione da un capo all'altro della futura città metropolitana.

Il maxi-intervento, realizzato in toto da Infrastrutture Lombarde SpA, si dispiega per una lunghezza totale di 3,5 Km e, di fatto, permetterà di collegare l'area di Molino Dorino e la tangenziale Ovest all'Autolaghi a Niguarda e all’area brianzola. Il tutto grazie ad una galleria di un chilometro che sottopassa Cascina Merlata e al sistema di ponti-viadotti che scavalca, in sequenza, la ferrovia Milano-Torino, l'autostrada A4, il sito Expo e la A8.

Una travata continua di 600 metri costituita da più campate sostenute da 3 enormi archi  che cambiano definitivamente lo skyline della città per chi arriva dalle province dei laghi e dal nord Europa.

Grande la soddisfazione di Paolo Besozzi, ingegnere e presidente di Infrastrutture Lombarde, che sabato notte, mentre il vicino cantiere Expo dormiva nel buio, ha seguito per intero il varo dell'ultima campata sulla A8 e ha voluto chiarire un unico concetto: “Al di là delle chiacchiere parlano i fatti e i fatti dicono che quando Infrastrutture Lombarde è la stazione appaltante e dirige i lavori, le opere vengono realizzate con precisione millimetrica e consegnate nei tempi previsti”. Una soddisfazione anche per tutta la squadra di Infrastrutture, naturalmente, spesso citata a sproposito quando si parla di ritardi nei cantieri dell’Expo con cui la società  non ha nulla a che fare. “Le polemiche non mi interessano e tutti tifiamo e lavoriamo sodo perché Expo sia un grande successo  e sia da traino al sistema paese- dice il presidente-  ma è giusto sapere che noi di Infrastrutture, per Expo, dovevamo realizzare questo progetto e come si può ben vedere, il compito è stato portato egregiamente a termine”.

Tags:
infrastrutture lombarde






A2A
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.