A- A+
Milano
La Santa Alleanza Fi-Ncd-Lega parte dalle moschee (e arriva a Milano). Intervista

di Fabio Massa

Una prova per grandi intese su Milano? Se non lo è, poco ci manca. La vicenda della legge regionale sulla moschea “unisce” Ncd, Forza Italia e Lega Nord. Il consigliere regionale Altitonante, unico azzurro in commissione territorio, spiega ad Affari: “Finalmente mettiamo dei paletti. I cittadini di Lampugnano saranno felici, perché là la moschea non si farà”… L’INTERVISTA DI AFFARITALIANI.IT

Consigliere Altitonante, avete varato la legge sulle moschee. Majorino parla di legge odiosa.
Majorino dice il falso. Vediamo di intenderci: a Milano era più facile costruire una moschea che un sottotetto, per una carenza assurda di norme e leggi. Abbiamo dato regole chiare e certe per chi fa istanze di costruzione. E ci sarà una commissione regionale per valutare se i requisiti per la costruzione delle moschee sono rispettati. Dove sta il concetto di legge odiosa? Una legge mette dei paletti. Tra l’altro, io credo che con questa legge i cittadini di Lampugnano potranno tirare un sospiro di sollievo.

Perché?
Perché con la nuova legge sarà quasi impossibile vedere realizzata una moschea a Lampugnano.

Allora è vero che ce l’avete con gli islamici…
No. Noi abbiamo dato solo delle regole. E le regole non devono far paura.

La legge è stata fatta in opposizione all’iniziativa del Comune?
No, nasce dalle esigenze dei cittadini. Ci sono decine e decine di richieste di moschee da tutta la Lombardia. E’ la prima legge in Italia che parte dal basso su questo tema. Majorino si metta il cuore in pace: noi stiamo con i cittadini, non con l’assessorato al Welfare del Comune.

Intanto politicamente si è verificata una larga convergenza tra Ncd, Forza Italia e Lega Nord.
Sì, e questa è una cosa positiva. Anche perché abbiamo risposto a un bisogno. Nessuno è contro l’Islam o contro la libertà di culto. Ma tutti siamo a favore delle istanze dei cittadini.

Sono le prove generali per una larga alleanza anche su Milano?
Anche qui ci vuole una parola chiara. Per vincere a Milano abbiamo bisogno di Forza Italia, della Lega e del Nuovo Centrodestra. Solo così abbiamo chances di vittoria. Ma non è un’alleanza che si può fare sui nomi, ma sui programmi.

Nei giorni scorsi Colucci di Ncd ha attaccato la Lega. E Gallera ha attaccato Colucci. Come la vive questa guerra?
Io penso che la Lega in questo momento è una risorsa importante. Salvini e Maroni stanno facendo molto bene. Dobbiamo trovare una quadra tra tutti, però. Una sintesi sulla città di Milano. Anche perché Salvini ha fatto per 20 anni il consigliere e conosce bene la città. Forza Italia è partita da Milano, e quindi ci sono tutte le condizioni per presentarsi compatti. Partiamo dal programma e poi decidiamo la squadra. 

Forza Italia ha un candidato solo? Si parla di Gallera…
Forza Italia ha diversi candidati, diverse persone che si possono candidare. Credo che una volta che siamo partiti dai programmi si può anche indicare il regista.

Nomi?
E’ ancora presto…

@FabioAMassa

Tags:
fincdlega nord







A2A
A2A
i blog di affari
Salento: pastella, cozze aperte all’ampa... Chi l'ha detto che si mangia male?
di Francesca Micoccio
Green pass obbligatorio e lockdown annunciati: il ritorno alla nuova normalità
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Il braccio robotico di Perseverance alla ricerca di segni di vita su Marte
di Maurizio Garbati


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.