A- A+
Milano

di Fabio Massa

Alla fine sul Leoncavallo ci sarà il nulla di fatto. Niente discussione in consiglio della delibera. Mirko Mazzali, capogruppo di Sel, non lo dice chiaramente. Ma quasi. “Mai dire mai, ma la partita è complicata. Spero che Basilio Rizzo da arbitro non faccia il calciatore. La verità è che usando il regolamento si sta provando a non mandare in consiglio una delibera approvata all’unanimità dalla giunta…” L’INTERVISTA DI AFFARITALIANI.IT

Capogruppo Mazzali, prima di parlare di Leoncavallo facciamo un passaggio su Pisapia. Dice che il suo cuore è in Sel. E che il progetto è fermo.
Non posso che dire che sono contento che il suo cuore stia con Sel. Sel è in un momento di grande evoluzione, come tutti sanno. E tutti speriamo che più che ripartire, questo progetto, possa proseguire, aumentare la propria portata e acquisire valore.

Pensa che Pisapia debba impegnarsi in Sel in prima persona?
Io spero che lui non abbandoni la politica. Se poi lo vorrà fare in Sel, o in qualcosa che ricomprenda anche Sel, io sarò felice.

Passiamo al Leoncavallo. Si allontana l’approvazione della delibera, pare.
Mai dire mai. La partita ovviamente è molto complicata e io spero proprio che l’arbitro non decida di fare il calciatore. Alla fine la delibera è stata approvata all’unanimità in giunta ed è giusto che venga discussa in consiglio. Se poi qualcuno fa ostruzionismo e qualcun altro non la vuole far approvare per motivi suoi…

Pare una partita persa, ormai.
Non è che se non vinciamo noi non vince Mazzali o Sel. Non vince la città. Intendiamoci su questo.

Il sindaco dovrebbe intervenire per sollecitare questa discussione?
Il sindaco fa il sindaco e la sua sul Leoncavallo l’ha detta chiaramente. Non mi aspetto che faccia chiamate alle armi. Anche perché non dovrebbe essercene bisogno. 

Lei parla di arbitro che vuole fare il giocatore. Sta parlando di Basilio Rizzo, il presidente del consiglio. Ma ci avete parlato?
Abbiamo interlocuzioni costanti con il presidente del consiglio nelle riunioni dei capigruppo. Fuori dal consiglio personalmente non parlo con Basilio Rizzo, o comunque non parlo di cose che riguardano il consiglio. Comunque, lui sa qual è la nostra opinione su tutto. E noi sappiamo perfettamente che lui è contrario a questa delibera.

La stupisce che un esponente della sinistra sia contro questa delibera?
Mi addolora. Forse ho sbagliato a votare negli ultimi 30 anni. Ho sempre votato Basilio Rizzo perché pensavo fosse l’innovazione. 

E invece?
E invece ho sbagliato. Qui l’intero gioco si regge sul fatto che grazie a un regolamento folle, frutto del consociativismo, si sta tentando di non far neppure discutere questa delibera. E’ un modo di fare politica vecchio, altro che rinnovamento.

@FabioAMassa

Tags:
leoncavallointervistarizzomazzalipisapia







A2A
A2A
i blog di affari
Le radici dell’Architettura
di Mariangela Turchiarulo
Green pass, il futuro del nuovo biocapitalismo della sorveglianza
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Obbligo Green pass decisione liberale
L'OPINIONE di Ernesto Vergani


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.