A- A+
Milano
pisapia

di Fabio Massa

Mezzo miliardo di euro di buco. I giornali battono e ribattono, da più giorni, ossessivamente, la stessa notizia. Che, effettivamente, sta facendo preoccupare un po' tutti gli assessori. Un vero e proprio incubo. Stando a quanto può riferire Affaritaliani.it, la prospettiva è davvero fosca. Il problema è infatti sulla spesa corrente. Occorre perseguire il pareggio di bilancio: quindi, niente più escamotage, vendite straordinarie, addirittura concessioni edilizie. Si va a tagliare sulla carne viva. Soffriranno tutti gli assessorati che insistono sul sociale, ad esempio. Il settore dei trasporti subirà sia tagli che possibili rincari, la cultura verrà ridotta ai minimi termini, il settore scuola potrebbe perseguire una politica di dismissioni a favore dello Stato. Scenari foschi, si diceva. Ma anche nella peggiore delle ipotesi, stando a una prima ricognizione dall'interno dei vari capitoli di spesa, questo non basterà. Anche praticamente azzerando tutto, il bilancio rimarrà in disordine. La tattica della quale si inizia a vociferare a Palazzo Marino, pare, sarebbe quella del "segno positivo". Ovvero, cercare di dare un segnale di grande serietà e sobrietà. Ben sapendo però, fin dall'inizio, che sarà quasi impossibile centrare l'obiettivo.

Nel frattempo, fare un'azione sul prossimo governo per sbloccare quella che è una norma che rischia di mandare in default gran parte dei comuni italiani. Il problema è che il prezzo politico da pagare a questi tagli sarà altissimo. In più, con un partito democratico, prima forza della maggioranza, decisamente precario sia sul versante locale che su quello nazionale, anche "difendere" le scelte obbligate sarà molto difficile. Scelte obbligate che potrebbero vedere ancora una volta (come nella vicenda Sea) su fronti opposti lavoratori e amministrazione di sinistra. Nei vari assessorati si inizia infatti a far largo l'ipotesi addirittura di una discussione pubblica sui costi della pubblica amministrazione, i cui dipendenti godono di un contratto molto oneroso. Difficile però che il sindacato starà a guardare di fronte a ipotesi di sforbiciate. L'altra via che Pisapia potrebbe decidere di perseguire è quella dell'esternalizzazione dei servizi. Con un problema però: che cosa rimarranno a fare i dipendenti pubblici? Le tinte sono fosche. Mala tempora currunt sed peiora parantur.

@FabioAMassa

Tags:
tagli






A2A
A2A
i blog di affari
Nuovo Direttivo alla Camera Civile Salentina
Sanzioni Covid: arrivano le cartelle pazze
Femmmicidi-infanticidi, riflesso di una Italia che non sopporta le difficoltà
di Maurizio De Caro

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.