Tragedia a Milano. Un 65enne è morto dopo una rapina nella fermata della metropolitana De Angeli, intorno alle 17.50 di mercoledì. Agenti della polmetro che si trovavano nei pressi dell'aggressione, hanno sentito invocazioni d'aiuto da parte di un uomo a terra e sono intervenuti: hanno visto 3 uomini, forse dell'est Europa, che si stavano dileguando. Immediati i soccorsi all'uomo, un 65enne, rianimato sul posto e morto durante il trasporto all'ospedale San Carlo.

Sono stati identificati e rilasciati dopo una serie di accertamenti tre dei quattro giovani che si trovavano intorno a Francesco Tatoli, l’uomo di 65 anni morto alla stazione della metropolitana di De Angeli dopo aver questionato con loro, forse durante un tentativo di borseggio. A carico dei tre romeni, incensurati, al momento non è stata formulata alcuna ipotesi di reato

Dalle immagini delle telecamere di sorveglianza appare chiaro che il 65enne non è mai stato fisicamente aggredito dai tre ragazzi che lo hanno avvicinato. Secondo quanto si è appreso fra i tre giovani e l’uomo, subito dopo i tornelli, si accende una discussione: pare evidente che il viaggiatore fosse convinto che il gruppetto lo aveva "puntato", forse per borseggiarlo. Un fenomeno molto diffuso in metropolitana. I fotogrammi, però, su un punto permettono di avere certezze: fra i presunti borseggiatori nessuno ha picchiato o strattonato l’anziano.

La vittima, Francesco Tatoli, nato a Cerignola (Foggia) ma da molti anni residente a Milano, abitava poco lontano dal luogo dell’aggressione, in una casa popolare, insieme con la moglie. Aveva lavorato per tutta la vita come dipendente di una grossa società e proprio nell’ultimo periodo era di buon umore perché si stava avvicinando alla pensione.

 

2013-12-05T08:26:46.853+01:002013-12-05T08:26:00+01:00truetrue1356116falsefalse87Milano/milano4131020513562013-12-05T08:26:46.913+01:0013562013-12-05T14:01:58.873+01:000/milano/milano-cade-e-muore-dopo-una-rapina-in-metro051213false2013-12-05T08:56:34.59+01:00310205it-IT102013-12-05T08:26:00"] }
A- A+
Milano
metropolitana incidente 5  omnimilano
 

Tragedia a Milano. Un 65enne è morto dopo una rapina nella fermata della metropolitana De Angeli, intorno alle 17.50 di mercoledì. Agenti della polmetro che si trovavano nei pressi dell'aggressione, hanno sentito invocazioni d'aiuto da parte di un uomo a terra e sono intervenuti: hanno visto 3 uomini, forse dell'est Europa, che si stavano dileguando. Immediati i soccorsi all'uomo, un 65enne, rianimato sul posto e morto durante il trasporto all'ospedale San Carlo.

Sono stati identificati e rilasciati dopo una serie di accertamenti tre dei quattro giovani che si trovavano intorno a Francesco Tatoli, l’uomo di 65 anni morto alla stazione della metropolitana di De Angeli dopo aver questionato con loro, forse durante un tentativo di borseggio. A carico dei tre romeni, incensurati, al momento non è stata formulata alcuna ipotesi di reato

Dalle immagini delle telecamere di sorveglianza appare chiaro che il 65enne non è mai stato fisicamente aggredito dai tre ragazzi che lo hanno avvicinato. Secondo quanto si è appreso fra i tre giovani e l’uomo, subito dopo i tornelli, si accende una discussione: pare evidente che il viaggiatore fosse convinto che il gruppetto lo aveva "puntato", forse per borseggiarlo. Un fenomeno molto diffuso in metropolitana. I fotogrammi, però, su un punto permettono di avere certezze: fra i presunti borseggiatori nessuno ha picchiato o strattonato l’anziano.

La vittima, Francesco Tatoli, nato a Cerignola (Foggia) ma da molti anni residente a Milano, abitava poco lontano dal luogo dell’aggressione, in una casa popolare, insieme con la moglie. Aveva lavorato per tutta la vita come dipendente di una grossa società e proprio nell’ultimo periodo era di buon umore perché si stava avvicinando alla pensione.

 

Tags:
milanometropolitanarapina







A2A
A2A
i blog di affari
Coordinatore genitoriale, tribunale lo impone: chi è? Posso rifiutarmi?
di Michela Carlo
Green Pass, prove generali della società del controllo biopolitico totalitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Le radici dell’Architettura
di Mariangela Turchiarulo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.