A- A+
Milano
flashmob 13 web

Giovedì 30 maggio, alle ore 13, flashmob davanti alla sede della Provincia di Milano (via Vivaio 1, angolo Corso Monforte) per dire “Stop alla violenza sulle donne”.
 
L’iniziativa è promossa dalle consigliere provinciali che invitano tutte le donne, ma non solo, a partecipare indossando semplicemente qualcosa di rosso.

L’idea è quella di dare vita a una grande catena, mano nella mano, per dire a tutte le donne che non sono sole, che la risposta alla violenza sta nell’unione delle energie migliori della società – spiega Agnese Tacchini, presidente della Commissione Pari opportunità di Palazzo Isimbardi – Il nostro pensiero va alle vittime di questa follia, ultime solo in ordine di tempo  Fabiana e Angelica, e a tutte le donne che subiscono spesso in silenzio violenze fisiche e psicologiche. Ci auguriamo una grande partecipazione”.

Alla manifestazione parteciperanno il presidente della Provincia, Guido Podestà, il presidente del Consiglio, Bruno Dapei e l'assessore alle Pari opportunità, Cristina Stancari.

Tags:
milanoflashmobviolenzadonne







A2A
A2A
i blog di affari
Il Green pass crea una categoria di cittadini di seconda classe
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Il redditometro viola i diritti dell'uomo: la denuncia di PIN
Green pass obbligatorio, infame pratica ideologica e non scientifica
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.