A- A+
Milano

Niente sabati a scuola. A Milano il prossimo anno la maggior parte degli studenti andrà a lezione cinque giorni alla settimana su sette. Lo prevede una circolare della Provincia che invita caldamente gli istituti ad adeguarsi entro giugno, anche se studenti e famiglie ne sono ancora all'oscuro.

Una "proposta" fatta in accordo con la Regione Lombardia e la direzione scolastica regionale, che rispetta formalmente l'autonomia dei singoli dirigenti, ma che allo stesso tempo lascia loro pochi margini di manovra: nel prossimo anno scolastico sono previste "ulteriori forti diminuzioni di spesa" per il riscaldamento e l'unica soluzione è l'articolazione dell'orario scolastico su cinque giornate settimanali.

"Tale possibilità - si legge nella circolare - sarebbe opportunamente consentita dalla riorganizzazione degli orari effettuata dalla recente riforma degli ordinamenti delle Superiori che portano a un impegno massimo settimanale di 32 ore limitato a pochi corsi di studio e nella generalità dei casi in un arco di 27-30 ore". D'altra parte la Provincia osserva che, specialmente a Milano città, nelle scuole primarie e secondarie di primo grado l'orario su cinque giorni è già "una consuetudine apprezzata dalle famiglie e che ci mette in linea con i principali stati europei".

Tra i vantaggi dell'orario su cinque giorni la circolare cita anche una "più ottimale organizzazione del lavoro del personale" non docente.
 

Tags:
milaonriscaldamentoscuola







A2A
A2A
i blog di affari
Matteo Pittaluga: l'aspetto mentale per diventare Social Media Manager
Dario Ciracì
il project financing collegato al partenariato pubblico privato (seconda parte
Il mercato dei corsi fitness e le prospettive post-pandemia
Elena Vertignano


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.