A- A+
Milano

LA DOPPIA INTERVISTA DI AFFARITALIANI.IT AI CAPIGRUPPO MORELLI E ROMEO

di Fabio Massa

INTERVISTA-1/

“La posizione della Lega Nord è una: quella del segretario federale Salvini”. Alessandro Morelli, capogruppo della Lega Nord in Comune, in un’intervista ad Affaritaliani.it non ci gira intorno: “Sulla candidatura di Milano dico chiaro e tondo che Lupi è assolutamente escluso che possa fare il candidato sindaco. Come facciamo a candidare qualcuno che sta facendo l’opposto degli interessi dei milanesi, al Governo Renzi?” L’INTERVISTA DI AFFARITALIANI.IT

Capogruppo Morelli, esiste la possibilità di una candidatura comune per il centrodestra?
Questo è possibile. Con Forza Italia ci può essere un candidato comune. Il candidato dovrà essere di centrodestra. Il problema è che quello che sta facendo Ncd al governo è tutto tranne che di centrodestra. Sono d’accordo su una candidatura unica, purché si convoglino gli interessi del centrodestra e non quelli di Alfano, che decide tutto da solo. Poi mi faccia dire una cosa…

Prego.
Stiamo parlando di un partito, Ncd, che in Comune semplicemente non esiste. In chiave regionale e nazionale saranno anche importanti, ma al livello comunale non esistono. Letteralmente. Teniamone conto.

Quindi è escluso che Lupi possa fare il candidato sindaco…
Assolutamente sì. Con il governo Renzi sta compiendo degli scempi ai danni non solo degli italiani ma anche su Milano. Ricordiamo che il governo aveva promesso soldi per Expo, ed Expo è dimenticata da tutti. Il Comune di Milano sta spendendo soldi su soldi per sostenere i clandestini che arrivano a Milano e la responsabilità è del governo Renzi con Mare Nostrum. Anche sulle richieste assurde di Pisapia e Majorino, il governo è silente. 

E perché allora Maroni spinge sull’alleanza Ncd-Fi? Esistono due posizioni nella Lega Nord?
Non esistono due posizioni. La posizione è una, quella del segretario federale, che dice che Alfano non è più esponente del centrodestra. Io conosco tanti di Ncd, alcuni sono passati in Lega Nord nell’ultimo periodo, e mi riferisco ai consiglieri di zona. Il dibattito sulle posizioni politiche si può fare. E’ evidente però che con chi ha voluto Mare Nostrum noi non possiamo sedere allo stesso tavolo.

INTERVISTA-2

Massimiliano Romeo è il capogruppo della Lega in consiglio regionale. Ad Affaritaliani.it spiega: “Ncd lombardo non è Ncd nazionale. Sono due cose diverse. In Lombardia siamo riusciti anche sull’immigrazione ad avere una posizione comune. Su Milano dobbiamo tentare a tutti i costi di andare uniti per strappare il Comune a Pisapia. Lupi? Facciamo le primarie…”

Capogruppo Romeo, come la vede questa vicenda dell’alleanza con l’Ncd?
L’Ncd lombardo non è l’Ncd nazionale. Sono due cose diverse. In Lombardia siamo riusciti, ad esempio sull’immigrazione, ad avere una posizione comune. Vuole un esempio?

Prego.
Noi andiamo a votare in commissione domani la Legge che dà un giro di vite sulla realizzazione di nuove moschee. Con Ncd abbiamo trovato accordo molto positivo che mette insieme paletti precisi sui luoghi di culto. Ncd, ad esempio, ha proposto di inserire il fatto che la religione che vuole realizzare un edificio di culto deve avere un’intesa con lo Stato. E l’Islam questa intesa non ce l’ha. Ma è solo un esempio.

Accordo fattibile, quindi?
Il problema è che Ncd a livello nazionale invece è un partito assurdo. Se fossero tutti come in Lombardia, l’alleanza si potrebbe fare. Il problema è che l’Ncd lombardo è un po’ una mosca bianca.

Come vede l’opzione candidatura unica su Milano nel 2016?
Nel 2016 ci sono le elezioni milanesi e non possiamo far rivincere la sinistra. Pertanto io tenterei in tutti i modi una strada di grande coalizione nel centrodestra per strappare dalle mani di Pisapia la città di Milano. Se uno ha a cuore i cittadini di milanesi questo tentativo lo fa di certo. 
Se si va uniti di sicuro si vince. Se si va divisi il rischio di perdere è alto.

Lei esclude che la Lega possa sostenere Lupi?
Non lo so. Prima ancora che parlare del candidato bisognerebbe capire se c’è la volontà di fare una coalizione. Se c’è uno spirito costruttivo e un progetto chiaro, allora dopo si potrebbe anche discutere di eventuali candidature. Personalmente a me il meccanismo delle primarie non mi dispiacerebbe, per dirla tutta.

Tags:
lupilega nordmorelli







A2A
A2A
i blog di affari
"Unite civilmente, se una delle due morisse a chi va l'eredità?"
di Avv. Violante Di Falco *
De Donno, eroe della medicina democratica che non piaceva ai potenti D. FUSARO
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Salento: pastella, cozze aperte all’ampa... Chi l'ha detto che si mangia male?
di Francesca Micoccio


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.