A- A+
Milano
Multe arretrate: Palazzo Marino fa cassa per 132 milioni di euro

In due mesi, tra dicembre e gennaio, qualcosa come 700mila bollettini di pagamento per multe arretrate sono stati recapitati agli automobilisti milanesi e dell'hinterland. Ingiunzioni di pagamento che in buona parte risalgono al 2011-2012 e che a Palazzo Marino potrebbero fruttare qualcosa come 132 milioni di euro. Ma nel frattempo, a registrarsi è soprattutto la rabbia dei multati, che stanno letteralmente ingolfando gli uffici della Polizia locale di via Friuli. Costretti a far salire gli sportelli da 12 a 18 e ad estendere l'orario di attività degli uffici. Un effetto dell'addio ad Equitalia e del nuovo accordo con Poste italiane, che sta però portando l'ufficio al collasso. Tanto da portare ad un sopralluogo dei rappresentanti per la sicurezza dei lavoratori, ovvero i delegati chiamati a verificare la bontà delle condizioni in cui si trovano a operare i dipendenti. E a preoccupare è anche il fatto che quanto sta accadendo per le multe arretrate del 2011-2012 sarà presto bissato per quanto riguarda il 2013...

Tags:
multepolizia locale






A2A
A2A
i blog di affari
Nuovo Direttivo alla Camera Civile Salentina
Sanzioni Covid: arrivano le cartelle pazze
Femmmicidi-infanticidi, riflesso di una Italia che non sopporta le difficoltà
di Maurizio De Caro

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.