A- A+
Milano
Ortomercato aperto al pubblico in settimana, per il sindacato "favorisce gli abusivi"

Da oggi l’Ortomercato di Milano sarà aperto per la vendita al pubblico tutti i giorni dalle 10 alle 12. Ma i dettaglianti non hanno nessuna intenzione di accettare il dictat del Comune. Dino Abbascià, presidente del sindacato dei dettaglianti ortofrutticoli di Confcommercio, è preoccupato: “Il rischio, con l’apertura ogni giorno, è che si crei un mercato parallelo a quello degli operatori regolari. E’ inevitabile perché già tutti i giorni entrano, nascosti anche nei camion, decine di immigrati irregolari che acquistano a quattro soldi prodotti di scarto e poi si mettono all’angolo dei mercati a vendere. Una scelta che alla fine favorisce l’abusivismo e danneggia sia il dettaglio fisso che l’ambulantato. Categorie che, a differenza degli abusivi, devono rispettare le regole dell’igiene e quelle fiscali. Personalmente sono molto preoccupato anche delle condizioni igieniche dell’Ortomercato e della situazione delle strade interne alla struttura, in dissesto. L’idea di aprire l’Ortomercato per l’Expo deve fare i conti con una struttura vecchia ed obsoleta. Mi pare una trovata elettorale, che non risponde alle reali esigenze dei consumatori”.

L’ultimo capitolo, non per importanza, è quello dei controlli: “I vigili sono pochi e naturalmente viaggiano in coppia per evitare, giustamente, sorprese. Mentre l’ingresso degli abusivi, che alimentano il lavoro nero, continua. Una situazione rischiosa che può creare situazioni di forte disagio. L’augurio è che il Comune torni sulla sua decisione".

Tags:
ortomercatoconfcommercioabusivismo






A2A
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.