A- A+
Milano

 

l testo della lettera inviata dal coordinatore del circolo di Libertà e Giustizia

Ai Deputati del PD eletti nella Circoscrizione Lombardia 1
Ai Senatori del PD eletti nella Circoscrizione Lombardia

Nel susseguirsi di alcuni fatti sconcertanti il PD appare oggi preminentemente preoccupato di soddisfare la richiesta di stabilità del Governo proveniente dal Presidente della Repubblica. Ma molti, a cominciare dagli elettori del PD, si chiedono se tale esigenza può arrivare a mettere in ombra il valore delle nostre istituzioni e la credibilità internazionale del nostro paese, oltre che gli ideali cui il PD dovrebbe ispirarsi.

La stabilità deve essere perseguita a qualunque prezzo? Anche quello di sospendere i lavori del Parlamento, a fronte di decisioni di una istituzione indipendente? Sapendo che quello che conta non è la durata dell’interruzione, ma il principio. E ora si può decidere di difendere a oltranza un ministro che ha permesso, se non promosso, comportamenti lesivi di diritti vigenti nel mondo civile? Come se il caso “nipote di Mubarak” non fosse bastato a umiliare il nostro Parlamento con la negazione del buon senso.

Chi si pone tali interrogativi nutre la speranza che i parlamentari del PD si affrettino a rendersi conto di quanto costano certe scelte al loro partito e all’intero paese e non accettino di continuare ad assecondare compromessi al ribasso, avendo ben chiaro in mente che sono chiamati a rappresentare la Nazione e ad esercitare le loro funzioni senza vincolo di mandato (articolo 67 della nostra Costituzione). Non c’è disciplina di partito o di governo che valga più della certezza del diritto per i cittadini, quelli italiani come quelli che il nostro paese si trova ad ospitare.

Queste considerazioni sono la base per invitare gli eletti del PD nella nostra Circoscrizione a fare un serio esame di coscienza. Allo scopo può essere di aiuto la lettura delle osservazioni di Gustavo Zagrebelsky in una sua recente intervista riportata sul nostro sito al link http://www.libertaegiustizia.it/2013/07/18/gustavo-zagrebelsky-f35-giustizia-e-kazakistan-e-lumiliazione-dello-stato/
Cordiali saluti
Massimo Giunti, coordinatore del Circolo di Milano di Libertà e Giustizia

di Franco Mirabelli

Caro Giunti,
Ho ricevuto la sua lettera e credo che le sue riflessioni meritino attenzione e non sarebbe giusto lasciarle cadere senza rispondere. Tanto più che lei oggi coordina un circolo, come quello milanese di Libertà e Giustizia, con cui in questi anni mi sono spesso trovato a collaborare e condividere battaglie e che esprime valori e principi in cui mi riconosco.

Detto questo le scrivo da senatore del PD, che ha fatto, come tanti miei colleghi, scelte sofferte in questi mesi, ma senza subire ne' pressioni ne' diktat di alcun tipo.
Credo che dopo il risultato elettorale e il rifiuto del Movimento Cinque Stelle di sostenere un governo di cambiamento fossimo davanti ad un bivio tra tornare al voto o dar vita ad un governo di larghe intese per far fronte alle emergenze sociali ed economiche che stanno rendendo difficile la vita a tanti italiani. Abbiamo scelto questa strada, quella di dar vita ad un governo con coloro che sono stati e sono i nostri avversari politici perché abbiamo ritenuto giusto mettere al primo posto il Paese, perché pensavamo e pensiamo di poter fare cose utili e perché andare al voto, non avrebbe cambiato nulla, ma certamente avrebbe fatto perdere altro tempo alla soluzione dei tanti concreti problemi degli italiani e avrebbe ulteriormente allontanato i cittadini dalla politica, dalle istituzioni e dalla democrazia: una politica che appaia distante dai problemi quotidiani e spesso autoreferenziale discredita se stessa e le istituzioni e, su questo, in Italia abbiamo già raggiunto il livello di guardia.

Queste sono le ragioni per cui sostengo il governo, perché penso possa fare e stia facendo per mettere in campo politiche necessarie per il lavoro, le imprese, per affrontare le emergenze sociali. So che non potrà fare ciò che speravamo di poter fare in campagna elettorale, ma penso che, questo governo andrà giudicato dai fatti e, come ha detto Letta, se non sarà in grado di fare saremo i primi a spegnere la luce. Ma i sei decreti fatti finora e le proposte di legge in discussione e in via di approvazione: dalla legge sul voto di scambio, a quella contro l'omofobia, fino alla riforma del finanziamento ai partiti, dicono che questo governo che non avremmo voluto, retto da una maggioranza innaturale, può fare cose utili. Rileggendo questi provvedimenti di una cosa sono convinto: sono tutti concreti e guardano all'interesse generale e soprattutto in essi non esiste nessun cedimento sui principi e i valori che abbiamo rappresentato.

La vicenda Kazaka, in questo quadro, e' gravissima, nessuno di noi l'ha nascosto, abbiamo preteso subito chiarezza su ciò che era avvenuto, non abbiamo sottovalutato nulla, abbiamo richiamato i ministri competenti alle proprie responsabilità, chiesto e ottenuto una riorganizzazione degli apparati che hanno consentito questa umiliazione per il Paese. Certo abbiamo votato contro la mozione di sfiducia presentata dalle opposizioni prima ancora di ascoltare la , pur insoddisfacente, relazione del capo della polizia sugli avvenimenti, con un evidente intento politico. Ma abbiamo anche detto, presidente Letta in testa, che la vicenda non è' chiusa, serve fare piena luce, serve farsi carico del destino delle due donne espulse e non abbiamo nascosto le responsabilità di Alfano invitandolo più volte, anche in aula, alle dimissioni. Con tutto questo, mi permetta caro Giunti, richiamare la storia della nipote di Mubarak e' sbagliato e ingeneroso. Comunque la si pensi nessuno qui ha raccontato favole, e, tanto meno, il parlamento ha assolto qualcuno dalle proprie responsabilità, se fosse stato così avrebbe ragione lei ma, credo, che molti di noi non avrebbero, in coscienza, coperto una vicenda inaccettabile.

Chiedendo scusa per la lunghezza e rispettando molto le sue opinioni e il ruolo che Liberta' e Giustizia ha sempre avuto nel richiamare tutti al rispetto della legalità e dei valori costituzionali, le chiedo di essere certo che quello che facciamo, anche sostenendo questo governo, lo facciamo convinti di poter così fare l'interesse delle persone e delle famiglie che vivono condizioni difficili e del Paese. Possiamo sbagliare ma il riconoscimento delle ragioni reciproche e' alla base di ogni confronto e di ogni costruzione comune.

Cari Saluti
Franco Mirabelli

Tags:
parlamentari






A2A
A2A
i blog di affari
Bipolarismo, ecco quando necessario usare il TSO
di Francesca Albi*
Olio extravergine d’oliva: benefici e caratteristiche
Anna Capuano
Décolleté con tacco alto o con zeppa: quale funzionerà per gli outfit di tutti
Anna Capuano

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.