A- A+
Milano
Pinocchio/C'erano una volta i bocconiani...

ASCOLTA LA RUBRICA "PINOCCHIO" OGNI GIORNO SU RADIO LOMBARDIA (100.3), IN ONDA ALLE 19.15 DURANTE IL PROGRAMMA DI APPROFONDIMENTO "PANE AL PANE" E IN REPLICA IL GIORNO DOPO ALLE 6.45

C’era una volta il Paese dei bocconiani. Poveri bocconiani. Una volta orgoglio di Milano e d’Italia, segno distintivo sul curriculum. Quante volte: beh, quel politico, manager, esperto, collaboratore è… un bocconiano. Mica pizza e fichi, si sarebbe detto un tempo. E invece, poi, ai bocconiani è successo un po’ di tutto. Hanno avuto un premier, Mario Monti, che di certo non è stato amato dagli italiani: lui, il suo loden e la sua università, la Bocconi. Non bastasse, ci si sono messi pure i pm, che nell’arrestare Martina e Alexander, la coppia dell’acido di Milano, hanno sottolineato l’appartenenza di lei: “la bocconiana”. Ora, stando a varesenews.it, i bocconiani finiscono ancora sui giornali, ma per la loro “antisportività”. La storia è piccola, ma fa riflettere sulla caduta dei miti di un tempo. Altro che ragazzi compassati, che pensano al lavoro e soprattutto a fare soldi. Adesso i bocconiani, nella vulgata, tirano l’acido e se devono pure a botte, non si tirano indietro. E’ quello che è successo a Casale Litta, nel varesotto, dove la Bocconi Milano, squadra di serie D maschile, quasi finisce alle mani con la Galstaff Mornago. Alla fine arrivano addirittura i carabinieri del comando di Gallarate. Eh sì, non c’è più religione, se pure la Bocconi, tempio laico della conoscenza del nostro Paese, viene demolito giorno dopo giorno, articolo dopo articolo.

Tags:
bocconimario montimartina levato







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, a cosa serve realmente la tessera verde?
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.