A- A+
Milano
Pinocchio/La debacle del rilancio dei Caselli Daziari: una piccola storia italiana

ASCOLTA LA RUBRICA "PINOCCHIO" OGNI GIORNO SU RADIO LOMBARDIA (100.3), IN ONDA ALLE 19.15 DURANTE IL PROGRAMMA DI APPROFONDIMENTO "PANE AL PANE" E IN REPLICA IL GIORNO DOPO ALLE 6.45

C’era una volta un Paese che faceva di tutto, ma proprio di tutto, per rimanere bloccato. La storia, ancora una volta, arriva da Milano, ed è incredibile perché ha in sé un po’ tutto: l’inadeguatezza della pubblica amministrazione, la pochezza della politica, la frustrazione dell’imprenditorialità meneghina. La vicenda riguarda i Caselli Daziari, le strutture nei pressi dell’Arco della Pace che si sarebbero dovute restaurare e rendere alla città, dando nuova vita con iniziative di tipo commerciale, spazi per la ristorazione e dedicati agli eventi. Insomma, far tornare a vivere uno dei luoghi più cool e più affascinanti di Milano. A vincere il bando è la Pessina Costruzioni, un’azienda che da oltre 60 anni opera da Milano su tutto il territorio nazionale. L’idea, nel febbraio 2014, era quella di lavorare come matti per riuscire ad aprire entro Expo. Idea frustrata però, dalla burocrazia. Il progetto esiste dal 2013, l’aggiudicazione è del 2014, nel 2015 ancora si aspettano i permessi del Comune. Che ovviamente ha i suoi tempi elefantiaci quando si tratta di far partire i lavori, salvo poi essere rapido e celere nel chiedere il pagamento delle tasse: 430mila euro di Cosap. Tra l’altro, avendo una concessione trentennale da 200mila euro all’anno, la Pessina ha già staccato il primo assegnone senza poter neanche metter giù un operaio a lavorare. La motivazione di questa debacle meneghina? “Rigidità e divergenze tra assessorati”, dice il Corriere. Siamo proprio messi bene.

Tags:
caselli daziaripessina costruzioni






A2A
A2A
i blog di affari
Il federalismo per salvare la democrazia italiana
Di Ernesto Vergani
AIUTI PER I VOLONTARI, AUDIT ENERGIA, DONATORI SANGUE, INCENDI
Boschiero Cinzia
PENSIONI INTEGRATIVE EUROPEE, WELFARE, FONDI PER SCUOLA E MIGRANTI
Boschiero Cinzia

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.