A- A+
Milano
Pubblicità hard su Palazzo Regione, De Corato: "Ente è vittima"
Riccardo De Corato

Pubblicità hard su Palazzo Regione, De Corato: "Ente è vittima"

"Chiariamo subito un concetto, sgomberando il campo da ogni equivoco: Regione Lombardia è vittima di quanto è accaduto. Ovviamente non ne sapevamo nulla e non abbiamo mai avuto alcun tipo di contatto con chi ha compiuto questa azione. Chi prova a ipotizzare ogni altro tipo di interpretazione dell'accaduto è in malafede. E probabilmente non si rende conto che a Milano la sicurezza è sempre più un optional".  Così Riccardo De Corato, assessore alla Sicurezza, Polizia Locale e Immigrazione della Regione Lombardia, interviene in merito alla manifestazione promossa mercoledì 22 gennaio da Escort Advisor: per incoronare le tre sex workers meglio recensite dai clienti nel 2019, infatti, il sito ha proiettato le immagini delle ragazze su tre edifici milanesi. Un palazzo in costruzione in zona Porta Garibaldi in via Tocqueville, quello di Eataly in via Gaspare Rosales e il Palazzo della Regione Lombardia in via Melchiorre Gioia. E proprio su quest'ultimo si sono accesi anche i riflettori dell'opposizione. Con Pietro Bussolati, Pd, che presenterà una interrogazione in consiglio per sapere  se la proiezione era stata in qualche modo autorizzata e se qualcuno aveva il dovere di verificare il contenuto del materiale che sarebbe stato proiettato.

Prosegue nella sua spiegazione De Corato: "I nostri Uffici, delegati alla sicurezza 'interna' hanno preso contatto con le Forze dell'ordine e ci siamo attivati per procedere per vie legali per tutelare la nostra immagine". In merito all'interrogazione preannunciata dal consigliere regionale del Pd, Pietro Bussolati, l'assessore De Corato commenta: "Questa sinistra non finirà mai di stupirci. Vorrebbero addirittura far passare il concetto che la colpa è riconducibile al proprietario dell'immobile. Siamo alla follia: è come se, portando un altro caso di stretta attualità, si teorizzasse che il proprietario dell'appartamento di Mondovì, sulla cui porta è apparsa una scritta antisemita, fosse responsabile dell'accaduto per non aver vigilato". "Se proprio si vuole trovare un corresponsabile, oltre all'autore dell'azione - conclude l'assessore De Corato - bisogna ricercarlo in chi governa Milano e continua a trattare il tema della sicurezza e della presenza degli agenti delle Forze dell'ordine, Polizia locale compresa, con scarsa incisività e poca convinzione"

Loading...
Commenti
    Tags:
    escort advisorriccardo de corato









    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Cartelle mai notificate? condannato il concessionario
    Pagamenti pos, finlandesi indebitati. Ecco perché tolgono i contanti in Italia
    di Diego Fusaro
    Rotary Milano Porta Vercellina: il prof.Antonio Padoa Schioppa parla di Europa
    di Paolo Brambilla - Trendiest


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.