BANNER

Rapina in farmacia alle 17 in via San Gimignano: l'aggressore era armato di machete. Ad allertare le forze di polizia è stato il titolare del negozio che ha riferito di un uomo con casco integrale da moto che ha fatto irruzione poco dopo le 17. Il rapinatore era armato di machete e con esso ha minacciato il dipendente in cassa per farsi consegnare 700 euro in contanti con cui è poi fuggito a piedi senza lasciare traccia.

Aumentano del 31,5% le rapine nelle farmacie milanesi nel 2013. Lo rivela Federfarma, il cui presidente, Annarosa Racca, ha incontrato nei giorni scorsi il Questore di Milano, Luigi Savina e il Comandante provinciale dei Carabinieri, Col. Maurizio Stefanizzi, per fare il punto sulla situazione e valutare nuove misure. Secondo l'associazione. da gennaio a ottobre 2013 nella città di Milano si sono verificate 110 rapine (contro le 77 del 2012) e nella provincia, esclusa la città di Milano, 57 rapine (contro le 45 del 2012). In particolare, nei mesi di settembre ed ottobre il fenomeno si è aggravato, con rapine quasi quotidiane nella rete delle farmacie (423 farmacie in città, 468 nella provincia di Milano). "I rappresentanti delle Forze dell'Ordine hanno garantito una maggiore sorveglianza delle farmacie ed hanno ricordato che nel 2013 sono stati arrestati 73 rapinatori, responsabili del 76% delle rapine compiute in provincia di Milano", si legge nella nota.

"Abbiamo inteso rafforzare la nostra collaborazione con le Forze dell'Ordine - ha dichiarato Annarosa Racca, Presidente di Federfarma - poichá sono in forte aumento il numero delle farmacie dotate di videosorveglianza collegata con le centrali operative sul territorio". "L'aumento del numero delle rapine si spiega anche con il profilo del rapinatore medio. Si tratta spesso di rapinatori seriali, poco professionali, che finiscono non di rado con l'essere identificati e catturati, quasi sempre con 7/8 rapine all'attivo in farmacie o altri esercizi pubblici.

Ecco l'identikit del rapinatore, come risulta dalle denunce dei farmacisti: non si lascia intimorire dalle telecamere; agisce da solo, parzialmente o totalmente travisato; è armato di pistola o coltello; colpisce preferibilmente tra le 16 e le 18; fugge spesso a piedi". Federfarma ha invitato tutte le farmacie a dotarsi di un sistema digitale di videosorveglianza collegato direttamente con Questura o Carabinieri (che consente di riconoscere i rapinatori anche se mascherati), a lasciare almeno una vetrina sgombra tale da consentire una visione dall'esterno, a chiamare le Forze dell'Ordine a ogni minimo sospetto.

2013-11-20T08:48:26.29+01:002013-11-20T08:48:00+01:00truetrue1356116falsefalse87Milano/milano4130816613562013-11-20T08:48:26.353+01:0013562013-11-20T08:56:13.39+01:000/milano/rapina-la-farmacia-con-il-machete-federfarma201113false2013-11-20T08:55:47.99+01:00308166it-IT102013-11-20T08:48:00"] }
A- A+
Milano
farmacia

BANNER

Rapina in farmacia alle 17 in via San Gimignano: l'aggressore era armato di machete. Ad allertare le forze di polizia è stato il titolare del negozio che ha riferito di un uomo con casco integrale da moto che ha fatto irruzione poco dopo le 17. Il rapinatore era armato di machete e con esso ha minacciato il dipendente in cassa per farsi consegnare 700 euro in contanti con cui è poi fuggito a piedi senza lasciare traccia.

Aumentano del 31,5% le rapine nelle farmacie milanesi nel 2013. Lo rivela Federfarma, il cui presidente, Annarosa Racca, ha incontrato nei giorni scorsi il Questore di Milano, Luigi Savina e il Comandante provinciale dei Carabinieri, Col. Maurizio Stefanizzi, per fare il punto sulla situazione e valutare nuove misure. Secondo l'associazione. da gennaio a ottobre 2013 nella città di Milano si sono verificate 110 rapine (contro le 77 del 2012) e nella provincia, esclusa la città di Milano, 57 rapine (contro le 45 del 2012). In particolare, nei mesi di settembre ed ottobre il fenomeno si è aggravato, con rapine quasi quotidiane nella rete delle farmacie (423 farmacie in città, 468 nella provincia di Milano). "I rappresentanti delle Forze dell'Ordine hanno garantito una maggiore sorveglianza delle farmacie ed hanno ricordato che nel 2013 sono stati arrestati 73 rapinatori, responsabili del 76% delle rapine compiute in provincia di Milano", si legge nella nota.

"Abbiamo inteso rafforzare la nostra collaborazione con le Forze dell'Ordine - ha dichiarato Annarosa Racca, Presidente di Federfarma - poichá sono in forte aumento il numero delle farmacie dotate di videosorveglianza collegata con le centrali operative sul territorio". "L'aumento del numero delle rapine si spiega anche con il profilo del rapinatore medio. Si tratta spesso di rapinatori seriali, poco professionali, che finiscono non di rado con l'essere identificati e catturati, quasi sempre con 7/8 rapine all'attivo in farmacie o altri esercizi pubblici.

Ecco l'identikit del rapinatore, come risulta dalle denunce dei farmacisti: non si lascia intimorire dalle telecamere; agisce da solo, parzialmente o totalmente travisato; è armato di pistola o coltello; colpisce preferibilmente tra le 16 e le 18; fugge spesso a piedi". Federfarma ha invitato tutte le farmacie a dotarsi di un sistema digitale di videosorveglianza collegato direttamente con Questura o Carabinieri (che consente di riconoscere i rapinatori anche se mascherati), a lasciare almeno una vetrina sgombra tale da consentire una visione dall'esterno, a chiamare le Forze dell'Ordine a ogni minimo sospetto.

Tags:
federfarmarapina







A2A
A2A
i blog di affari
Coordinatore genitoriale, tribunale lo impone: chi è? Posso rifiutarmi?
di Michela Carlo
Green Pass, prove generali della società del controllo biopolitico totalitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Le radici dell’Architettura
di Mariangela Turchiarulo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.