A- A+
Milano
"Spese pazze", la Regione non si costituisce parte civile

La Regione Lombardia ha deciso di non costituirsi, almeno per ora, parte civile nel procedimento a carico di 64 tra consiglieri ed ex consiglieri del Pirellone accusati di essersi fatti rimborsare con soldi pubblici "spese pazze" senza alcuna giustificazione di natura politica. L'udienza preliminare e' cominciata nella mattinata di lunedì 2 febbraio a Milano davanti al gup Fabrizio D'Arcangelo. Non si e' presentato nessun legale della Regione Lombardia e neppure e' stata depositata nessuna richiesta di costituzione di parte civile. La Regione potra'  comunque decidere per un'eventuale costituzione in un altro momento del procedimento. Secondo l'accusa sostenuta dal procuratore aggiunto Alfredo Robledo e dai pm Paolo Filippini e Antonio D'Alessio, le casse regionali avrebbero subito un danno superiore ai 3 milioni di euro a causa delle 'spese pazze' dei consiglieri. Soldi spesi dai politici del Pirellone per l'acquisto di beni personali e non giustificati da ragioni di mandato politico.

Su questo tema il Movimento 5 Stelle ha depositato una mozione urgente, chiedendo proprio che, al contrario, la Regione si costituisca parte civile: "E' un atto dovuto - ha affermato il consigliere regionale Stefano Buffagni - per tutelare i cittadini e la Regione e rappresenta un significativo segnale di discontinuità con il recente passato di scandali che hanno sottratto risorse dei cittadini a favore degli interessi privati dei politici. La Regione si è costituita parte civile contro Formigoni, non lasciamo solo. Maroni ha ancora tempo e vogliamo si attivi subito”

Tags:
regione lombardiarimborsi






A2A
A2A
i blog di affari
Incostituzionale l'indeducibilità dell'IMU per le imprese: ora i rimborsi
Matrimonio tra Pascale e Turci, l'altro significato...
di Maurizio De Caro
PROGETTI PER LE SCUOLE, CONTRO LA MIOPIA, FONDI PER CONSUMATORI
Boschiero Cinzia

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.