A- A+
Milano
Rigenerazione urbana, Regione: "La Corte conferma la nostra legge"
Regione Lombardia

Rigenerazione urbana, Regione: "La Corte conferma la nostra legge"

L'attuale legge vigente sulla Rigenerazione urbana viene confermata. Lo ha annunciato questa mattina l'assessore al Territorio e Protezione civile di Regione Lombardia, Pietro  Foroni. "Confermata  - ha spiegato - la legittimità della versione vigente dell'articolo 40 bis della legge sulla Rigenerazione urbana. La statuizione della Corte Costituzionale riguarda soltanto la versione precedente del testo che non risulta essere più in vigore già da giugno 2021". Il Consiglio regionale infatti, nella seduta di martedì 15 giugno, su proposta dell'assessore Foroni, aveva approvato la nuova proposta di legge relativa alla modifica della normativa regionale, riguardante gli interventi sul patrimonio edilizio esistente in dismissione. "Con questa decisione non ci sono più alibi - ha detto Foroni - venendo di fatto confermata dalla Corte Costituzionale la versione già vigente dell' art. 40 bis. Per la Regione, quindi, per i Comuni, gli operatori e  i cittadini, non cambia assolutamente nulla a seguito della pronuncia. Non sarà necessario rivedere l'attuale normativa che esce confermata nella sua legittimità".

Diversa sulla vicenda era stata settimana scorsa l'interpretazione data da Palazzo Marino, con una nota che aveva positivamente salutato la sentenza come una vittoria del Comune di Milano nel confronto con Regione sulla rigenerazione urbana degli immobili

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    regione lombardiarigenerazione urbana






    A2A
    A2A


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.