A- A+
Milano
"Rimborsi pazzi" in Regione: quattro consiglieri leghisti condannati a risarcire

Altre quattro condanne della Corte dei conti nei confronti di consiglieri regionali: si tratta di altrettanti esponenti della Lega Nord accusati di aver abusato dei rimborsi concessi dall'ente per spese personali per le quali "non può minimamente ammettersi l'assimilazione a quelle di rappresentanza". Massimiliano Orsatti è stato condannato a risarcire quasi 30mila euro, somma della quale dovrà rispondere in solido anche il suo capogruppo Stefano Galli, che aveva firmato i rimborsi per spese al ristorante, al bar e per altri generi alimentari. Roberto Pedretti deve restituire 37mila euro, sempre con Galli, per pranzi cene, spese telefoniche. Poco più di 30mila euro per Alessandro Marelli, che si faceva rimborsare le spese della macelleria e del panettiere. Di poco più di 15mila euro il rimborso che dovrà restituire Ugo Parolo, sempre per spese legate a cene e pranzi. In totale undici ad oggi le condanne eseguite nell'ambito del procedimento "rimborsi pazzi".

Tags:
regione lombardiarimborsilega nord






A2A
A2A
i blog di affari
Due ori italiani a Tokyo 2020, ma “ex aequo” Tamberi (un po’) stonato
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Cassazione, trasferimenti immobiliari e crisi coniugali: la sentenza
Green pass, serve a poco se col vaccino posso comunque contagiare
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.