A- A+
Milano
San Siro come l'Old Trafford, ecco il piano di Thohir

Milan al Portello e San Siro in mano all'Inter. Ma come diventerà lo stadio milanese, che nel 2016 ospiterà la finale di Champions League? Ne hanno parlato il sindaco Giuliano Pisapia ed Erick Thohir, magnate indonesiano proprietario della società nerazzurra. Che vorrebbe la gestione dell'impianto a partire dal 2018, Milan permettendo. Il modello cui pensa Thohir è l'Old Trafford, lo stadio del Manchester United: c'è già un progetto di parziale ristrutturazione da 8,7 milioni di euro, firmato da Francesco Ragazzi. Panchine più vicine ai campi e spettatori più vicini al prato, con 120 poltroncine esclusive coperte attorno al campo sono gli interventi che potrebbero essere già conclusi per il 23 agosto 2015. Ma tra gli altri progetti, anche 4 sky box, riqualificazione della sottotribuna arancio, un nuovo museo e una capienza di non più di 60mila posti. Il terzo anello ospiterà esclusivamente negozi e ristoranti cui si accederà tramite ascensori.

Tags:
erick thohirinterchampions league







A2A
A2A
i blog di affari
Luoghi dell’anima: le “piccole case” di Bruno Messina
di Mariangela Turchiarulo
FSBA: ANNULLATE LE SENTENZE DEL TAR DEL LAZIO
Green pass, non l’avete capito? Non serve a controllare il virus, ma voi
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.