A- A+
Milano

Di Massimiliano Bastoni (Lega)

Che Pisapia avesse dei debiti elettorali da pagare alla lobby omosessuale lo sapevamo da tempo, ma che arrivasse a concedere uno dei migliori impianti sportivi della nostra città per feste hot-gay questo proprio non possiamo accettarlo. La piscina Saini è meta di famiglie e bambini e tale deve rimanere, non è assolutamente ammissibile che venga utilizzata per bisbocce di questo genere, non per un semplice e generico motivo di moralismo ma perché vi sono luoghi, come le piscine comunali, che nascono come centri di ritrovo delle famiglie. Trasformare queste sedi in sorte di night club a cielo aperto o di bordelli per omosessuali onestamente ci fa venire il voltastomaco. L’aberrazione di questo malsano vento arancione è riuscito persino a trasfigurare la piscina bijou in una sorta di Dr. Jekill – Mr. Hyde. Ma questa è la Milano di Pisapia … Lo dichiara Massimiliano Bastoni, consigliere comunale della Lega Nord, che annuncia anche la nascita dei comitati “per la famiglia” che contrasteranno iniziative abominevoli come quelle della piscina Saini.

Tags:
festegay







A2A
A2A
i blog di affari
Le radici dell’Architettura
di Mariangela Turchiarulo
Green pass, il futuro del nuovo biocapitalismo della sorveglianza
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Obbligo Green pass decisione liberale
L'OPINIONE di Ernesto Vergani


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.