A- A+
Milano
Su Expo torna l’ottimismo dei milanesi (+2,5% in un mese)

In forte crescita l’ottimismo dei milanesi su Expo, dopo i dubbi di inizio mese con un calo, pur ridotto dalla forte presenza governativa in quei giorni. A fine maggio l’indice di positività tocca il 60,6% dei commenti, +2,5 punti percentuali rispetto ad aprile. Un dato che supera anche quello italiano (60,2% di ottimisti), per la prima volta da gennaio scorso. I temi che trainano il sentiment positivo: partnership internazionali (spiega più della metà dell’ottimismo, 52,8%, +12,6% in un mese) e gli eventi, in particolare gli incontri con la presenza del premier nel corso del mese (14,7%). L’immagine collegata ad Expo si conferma l’alimentazione (36,2%, +1,7% in un mese). Cresce anche l’attesa per le infrastrutture grazie alla manifestazione (20,9%, +4,6%). A maggio picco di dibattito su Expo (+486% in Italia).

Emerge da un’analisi della Camera di commercio di Milano attraverso Voices from the Blogs, spin off dell’Università degli Studi di Milano (www.voicesfromtheblogs.com) realizzata dal 1 al 27 maggio 2014 sui commenti in Rete. “Quasi un milanese su dieci che ne discute sulla rete associa Expo al business (8,7%), un dato in crescita del +1,9% in Italia - ha dichiarato Alberto Meomartini vice presidente della Camera di commercio di Milano-. Il 21% alle infrastrutture, 4,6% in più in un mese. Sono dati significativi per cogliere il senso pratico dei milanesi in questo ottimismo che riemerge a fine maggio. Con un indotto di 24 miliardi e 191mila posti di lavoro è una opportunità su cui puntano imprese e mondo economico di questa città per ripartire con nuova fiducia in questo periodo di crisi. A questo fine è importante l’iniziativa “Expo in città” promossa da Comune e Camera di commercio per contribuire a portare un impatto diffuso e capillare dalla manifestazione”.

L’indotto di Expo

La ricaduta di Expo Milano 2015 sull’economia milanese: 102mila i posti di lavoro che saranno attivati, 27mila nel resto della Lombardia su un totale nazionale di 191mila. Fino al 2015 l’occupazione attivata dall’Esposizione Universale riguarderà principalmente il settore delle costruzioni e dell’industria, nel corso dell’evento sarà la volta di turismo e servizi all’impresa e alla persona, dopo l’evento saranno industria, servizi alle imprese e commercio gli ambiti rilevanti a livello occupazionale. La maggior parte delle opportunità sarà nei sei mesi della manifestazione e in quello successivo. Sul territorio milanese la produzione aggiuntiva sarà di 12,7 miliardi, su un totale nazionale di 23,6 e lombardo di 15,8. Sarà di 6 miliardi il valore aggiunto milanese su 7,4 lombardi e 10 italiani. Con Expo Milano 2015 nasceranno 11mila nuove imprese in Italia, la metà in Lombardia.

La ricerca. Sono questi i risultati più rilevanti emersi da una ricerca sull’impatto economico diretto e legacy dell’evento promosso dalla Camera di Commercio di Milano e dalla Società Expo 2015 e affidata a un team di analisti economici coordinati da Alberto Dell’Acqua professore SDA Bocconi. Il progetto ha portato alla realizzazione di un modello di stima economica dell’indotto dell’evento, a partire dal 2012 e con proiezione fino all’anno 2020, che sarà messo a disposizione del BIE per la valutazione economica dell’impatto delle Esposizioni Universali.

Tags:
expomilano






A2A
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.