A- A+
Milano
Trenord, scandalo straordinari: sospesi in cinque. Esclusiva

di Fabio Massa

Straordinari gonfiati, stipendi "normali" che diventavano maxi. Secondo quanto può riferire in anteprima Affaritaliani.it, starebbe per scoppiare in Trenord uno scandalo con i fiocchi. Martedì, alle 14, l'amministratore delegato Luigi Legnani convoca le organizzazioni sindacali. La comunicazione formale è che sono stati sospesi cautelativamente dal servizio cinque quadri del deposito di Porta Garibaldi. Ad essere colpiti da provvedimento due capi impianto personale di bordo e personale di macchina, i due capi ufficio e un quadro "semplice".

Stando a rumors, l'azienda avrebbe effettuato un audit dal quale sarebbe emersa una situazione di assegnazione degli straordinari davvero anomala. I capitreno, infatti, erano "inseriti" come viaggiatori sulle vetture (analogamente a quanto succede, regolarmente, per organizzare le rotazioni) quando invece non erano in servizio. In pratica, pur non lavorando, erano pagati. Lo scandalo potrebbe essere, anche se questo ancora non è confermato, di grandi dimensioni. C'è chi vocifera di stipendi gonfiati all'inverosimile. Un capotreno, infatti, guadagna circa 2mila euro al mese. Con gli straordinari si parla di emolumenti fino a 5mila euro.

L'azienda è intervenuta con durezza proprio per la gravità della situazione, viene fatto sapere ad Affari dalla sede di piazzale Cadorna. Tuttavia di cifre ufficiali ancora non ce ne sono. Resta da capire, dopo la lettura delle memorie difensive delle cinque persone sospese, se ci sia stata una "contropartita" per gli organizzatori dei turni da parte dei beneficiati degli straordinari mai effettuati.

@FabioAMassa

IL COMUNICATO DI LEGAMBIENTE DOPO L'ARTICOLO DI AFFARITALIANI.IT

di Dario Ballotta

Mentre la congestione del traffico, la crisi economica ed ambientale spingono i pendolari a lasciare a casa l'automobile Trenord piomba in una nuova crisi gestionale. Adesso è la volta di un'inchiesta interna che ha portato alla sospensione cautelativa di numerosi quadri aziendali dalla quale è emerso che per oltre un anno sono state  pagate migliaia di ore straordinarie mai effettuate dal personale di condotta e di scorta.
Nel dicembre 2012 fu l’introduzione del nuovo sistema informatico “Goal rail” ha provocare  la peggior Caporetto della storia delle ferrovie italiane. Una decina di giorni di caos durante i quali sono stati soppressi migliaia di treni e i pendolari lombardi hanno vissuto i peggiori disagi mai patiti fino ad allora.
Quest’estate a causa di un madornale errore gestionale, questa volta nell’assegnazione delle ferie del personale viaggiante , sono stati soppressi 140 treni a luglio e 100 in agosto.
Emerge con evidenza che Trenord, nata dalla fusione di FNM e Fs più che economie di scala ha prodotto diseconomie di scala e che la concentrazione monopolistica tra le due aziende ha peggiorato i servizi anziché migliorarli.
La regione Lombardia diventando allo stesso tempo il programmatore, il compratore (fa il contratto di servizio con Trenord, cioè se stessa), il gestore dei servizi ha toccato il punto più basso dei servizi , il più alto dell'inefficienza aziendale, basta vede i ritardi e i treni in circolazione,  e dei costi di gestione schizzati in alto.

 

Tags:
trenordscandalo straordinari







A2A
A2A
i blog di affari
Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli
Alkemia sigla contratto triennale con l’India per materie prime
Covid, lockdown in autunno: la colpa sarà dei non benedetti dal siero
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.