A- A+
Milano
Trimestrale ottima per Fiera Milano. Il cda approva

Il Consiglio di Amministrazione di Fiera Milano SpA, riunitosi sotto la presidenza di Michele Perini, ha approvato il Resoconto intermedio di gestione del Gruppo relativo al primo trimestre 2014, che registra risultati in crescita rispetto al corrispondente trimestre del 2013 principalmente per effetto del favorevole calendario mostre. Il trimestre in esame vede infatti la presenza dell'importante biennale Mostra Convegno Expocomfort, il cui impulso al fatturato e al MOL ha più che compensato l'impatto dei costi non ricorrenti sostenuti per il lancio e l'internazionalizzazione di HOMI, il nuovo Macef, e la contrazione degli spazi espositivi della mostra del turismo BIT, oggetto di un piano di riposizionamento e rilancio presentato alla stampa in aprile.

"Il primo trimestre registra dati in netto miglioramento rispetto al corrispondente periodo del 2013", dichiara l'amministratore delegato di Fiera Milano SpA Enrico Pazzali. "Interpretiamo però tale miglioramento con cautela, poiché è sostanzialmente imputabile alla presenza dell'importante biennale Mostra Convegno Expocomfort, in un contesto generale in cui ancora non si rilevano significativi segnali di ripresa dell'attività espositiva. Riteniamo invece sicuramente positive e promettenti le ulteriori iniziative messe in campo per rilanciare le nostre mostre di punta e contrastare l'impatto della crisi economica. Nel trimestre abbiamo avuto il debutto di HOMI, la nuova manifestazione semestrale sul lifestyle della casa e della persona: un progetto internazionale impegnativo, nel cui lancio abbiamo investito 1,4 milioni, che abbiamo  presentato a  Parigi e Francoforte e che terrà la prima edizione russa a Mosca in autunno. In aprile abbiamo presentato la nuova BIT, che si espande a nuovi settori, dal lusso ai congressi, ed assume un carattere ancora più fortemente orientato al business. Abbiamo siglato l'accordo che vede spostarsi da Bologna a Milano, già il prossimo settembre, le due edizioni annuali di LINEAPELLE, che non solo è la maggior fiera al mondo del settore, ma integra perfettamente le manifestazioni a valle della filiera Micam e Mipel. Infine abbiamo avuto un prestigioso riconoscimento dell'eccellenza dei nostri servizi congressuali da parte del governo, che ha scelto il nostro centro congressuale MiCo come sede degli incontri del semestre italiano di presidenza dell'Unione europea."

In generale la crisi economica in Italia e la debolezza dell'area euro continuano a condizionare negativamente la domanda di spazi espositivi per le manifestazioni in Italia, delineando un quadro variegato in cui si segnalano per la loro buona resistenza le mostre del comparto moda. Nel complesso l'effetto traino esercitato da Mostra Convegno Expocomfort consente comunque di chiudere il periodo con 430.995 metri quadrati espositivi netti (di cui 104.415 riconducibili a mostre direttamente organizzate dal Gruppo), contro 416.485 (di cui 169.715 del Gruppo) nel corrispondente trimestre 2013. Per quanto riguarda le attività svolte all'estero il periodo gennaio-marzo risente della limitata attività in Brasile e Sud Africa per effetto del calendario fieristico e chiude con 83.290 metri quadrati netti rispetto a 95.060 metri quadrati nel primo trimestre 2013.

Il 31 marzo sono stati stipulati i nuovi contratti di locazione dei quartieri espositivi. Per quanto riguarda il polo fieristico di Rho è stata concordata una riduzione del canone di 2,0 milioni di euro nel secondo semestre 2014 e di 14,0 milioni di euro per anno a partire dall'esercizio 2015. Il canone di locazione è pertanto fissato in 24,4 milioni di euro per il secondo semestre 2014 e in 38,8 milioni annui dal 2015, aggiornato annualmente in base all'indice ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati. Limitatamente al 2015, in considerazione dello svolgimento di EXPO e delle ricadute positive che l'Esposizione universale potrà determinare sul business di Fiera Milano, sarà riconosciuta a Fondazione Fiera Milano un'eventuale componente aggiuntiva di canone, nell'ipotesi in cui il fatturato realizzato da Fiera Milano SpA nell'esercizio 2015 sia superiore a quello medio realizzato nel triennio 2012-2014. In particolare, Fiera Milano riconoscerà un canone di locazione aggiuntivo, nella misura pari al 15% della differenza di fatturato, fino all'importo massimo di 10 milioni di euro.
Con riferimento al quartiere espositivo di Milano, è stato confermato il canone di locazione vigente, pari a 2.850.000 euro all'anno, con aggiornamento sulla base dell'indice ISTAT. I nuovi contratti di locazione prevedono entrambi una durata di 9 anni a decorrere dal 1° luglio 2014 e sono rinnovabili automaticamente per ulteriori 9 anni.

Tags:
fiera milanotrimestrale







A2A
A2A
i blog di affari
Coordinatore genitoriale, tribunale lo impone: chi è? Posso rifiutarmi?
di Michela Carlo
Green Pass, prove generali della società del controllo biopolitico totalitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Le radici dell’Architettura
di Mariangela Turchiarulo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.