A- A+
Musica
Eddie Van Halen è morto: addio al chitarrista e fondatore dell’omonima band

Addio a Eddie Van Halen. Il leggendario chitarrista 65enne, fondatore dei 'Van Halen', è morto ieri 6 ottobre 2020 a causa di un cancro alla gola per il quale era in cura da tempo. A darne notizia attraverso un post su Twitter è il figlio, Wolfgang Van Halen: "Non posso credere di doverlo scrivere, ma mio padre, Edward Lodewijk Van Halen, ha perso la sua lunga e ardua battaglia con il cancro questa mattina. È stato il miglior padre che potessi desiderare. Ogni momento che ho passato con lui sul palco e fuori è stato un dono. Il mio cuore è a pezzi e non credo mi riprenderò mai del tutto da questa perdita. Ti voglio tanto bene, Papà".

Secondo quanto riportato dal sito Tmz, Van Halen si è spento al St. John's Hospital di Santa Monica. Al suo fianco la moglie Janie, il figlio Wolfgang, e Alex, suo fratello e batterista della band che portava il loro nome. Le condizioni del chitarrista si erano aggravate nelle ultime 72 ore e il tumore alla gola aveva colpito anche il cervello e altri organi.

Eddie Van Halen, una leggenda del rock

Con Eddie Van Halen muore una leggenda del rock. Facile cadere in errore con queste definizioni, ma Eddie Van Halen era già leggenda. È stato un chitarrista e un compositore capace come pochi di segnare un'epoca, cambiare uno stile, inventarsene uno nuovo e attirare intere generazioni. Olandese, nato a Nimega nel 1955, ma naturalizzato americano - la sua famiglia si trasferisce nel 1962 a Pasadena, California -, negli anni è entrato in tutte le classifiche dei migliori chitarristi rock. Il suo stile, il suo modo di suonare la chitarra a due mani, è stato determinante per l'evoluzione dell'hard rock alla fine degli anni Settanta.

Aveva una padronanza assoluta della chitarra elettrica, nonostante non abbia mai imparato a leggere la musica. "Non so nulla di scale musicali" "Non so nulla di scale o di teorie musicali", disse in un'intervista a Rolling Stone nel 1980. "Non voglio essere visto come la chitarra piu' veloce della città, pronta per distruggere ogni concorrente. Quello che so è che una chitarra rock, o blues, dovrebbe essere melodia, velocità e gusto. Ma piu' importante di ogni altra cosa è che deve trasmettere emozioni. Voglio solo che la mia chitarra suoni per far sentire la gente felice, o triste, o magari eccitarla".

Nato un anno e mezzo dopo suo fratello Alex, Eddie comincia suonando il piano, poi la batteria, fino a quando è proprio il fratello a dargli provare la sua chitarra. Aveva 12 anni, e prova i primi accordi. Un amore a prima vista che porta i due a fondare una band destinata a cambiare per sempre la storia del rock. Il loro primo album arriva nel 1978, in un clima musicale dominato dalla disco, dal punk e da molti cantautori dai toni sentimentali.

Eddie Van Halen
 

1978: Van Halen, una rivoluzione 

Il suono di "Van Halen", l'album d'esordio del gruppo, ripensa l'hard rock e lo traghetta verso l'heavy metal. Un suono inedito, sgargiante e potente. Il mondo della musica ci mette poco a capire che era quello che i fan del rock chiedevano in quel momento. 10 milioni di copie vendute e posto d'onore tra gli album rock di tutti i tempi. La loro carriera era appena iniziata. Sarebbe durata altri 4 decenni, arrivando a 80 milioni di copie vendute nel mondo, con successi mondiali come 'Jump' nel 1984.

Ma in quell'album di esordio c'erano già tutti gli elementi della rivoluzione Van Halen. In ogni brano Eddie Van Halen riesce a strappare dalla sua chitarra suoni inediti, che prima sembravano semplicemente impossibili. Eruption, la seconda traccia dell'album, è tuttora la sua performance che piu' entusiasma chi ha apprezzato la sua musica; un assolo di 1 minuto e mezzo con spirali musicali ai limiti del possibile.

Ricerca e innovazione: la Frankestrat

Emerge da quel suono, da quel modo di trattare le corde della chitarra, un lavoro enorme, instancabile. Eddie Van Halen con quelle performance alza di fatto l'asticella dei chitarristi hard rock e avvia una rivoluzione del suono. Il giovane Eddie diventa molto invidiato dai colleghi, e presto gli viene affibiato il nomignolo di chitarrista piu' sexy della scena californiana. Quasi uno scherno per sminuirne la bravura. Molti poi furono costretti a seguirlo, imitarlo.

Eddie Van Halen è stato soltanto un grande compositore, un grande chitarrista. Dietro il suo lavoro, le sue innovazioni, c'era un potente lavoro di ricerca. Per quell'album di esordio, come molti altri dopo, decide di usare una chitarra di sua invenzione. La Frankestrat: Eddie amava la sagoma della Fender Stratocaster, ma voleva suonasse come una Gibson. Una Strat con un suono più spesso quindi, fatta con pezzi avanzati da altre chitarre.

E questa chitarra se la crea, se la costruisce su misura per le sue necessità. Ricerca, studio e innovazione hanno fatto di Eddie Van Halen una leggenda del rock. Negli anni ha scalato tutte le classifiche dell'heavy Metal. Per la rivista specializzata Guitar World è terzo migliore chitarrista di tutti i tempi, dopo Jimi Hendix e Jimmy Page. Rolling Stone lo pone all'ottavo. Per tutti una pietra miliare. 

Loading...
Commenti
    Tags:
    eddie van halenvan halenwolfgang van halen
    Loading...
    i più visti
    

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Toyota svela il nuovo HILUX

    Toyota svela il nuovo HILUX


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.