A- A+
Politica
Alfano: "50 combattenti Isis vengono dall'Italia"
Interno: Angelino Alfano

Sono una cinquantina, per il momento, i "combattenti stranieri" nelle file jihadiste individuati come provenienti dall'Italia: lo ha detto il ministro dell'Interno Angelino Alfano a Bruxelles. Nei giorni scorsi, l'Ue aveva fatto la cifra di 3mila "foreign fighter" attivi in Siria e Iraq; oggi Alfano ha precisato che dal "monitoraggio che teniamo sempre aggiornato" risulta "un numero di 48" combattenti "legati in qualche modo all'Italia in termini di transito o in termini di passaggi vari effettuati nel nostro paese". Il comitato di analisi strategica antiterroristica, ha aggiunto, "si riunisce di settimana in settimana: abbiamo sempre valutazioni aggiornate, teniamo sotto controllo la situazione".

Un'allerta terrorismo "elevata, anzi elevatissima" per l'Italia e' stata oggi ribadita a Bruxelles dal ministro dell'Interno Angelino Alfano. "Pur in assenza di una minaccia specifica - ha sottolineato a margine della conferenza di alto livello sulla sicurezza interna in Europa - l'allerta e' elevata perche' l'Italia fa parte di quella grande comunita' occidentale che contrasta il terrorismo, perche' e' la sede della cristianita', perche' ha fatto delle scelte importanti in parlamento anche negli ultimi mesi". Ecco perche' "noi siamo parte di quella grande comunita' che e' sotto attacco da parte di un califfo, di un sedicente stato e di un'organizzazione criminale che ha ambizioni, soldi e uomini che nessuno ha mai avuto".

Tags:
alfanoisisitalia
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Intesa Sanpaolo, apre il nuovo Museo delle Gallerie d’Italia a Napoli

Scatti d'Affari
Intesa Sanpaolo, apre il nuovo Museo delle Gallerie d’Italia a Napoli


casa, immobiliare
motori
Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina

Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.