A- A+
Politica
Silvio dichiara guerra alla Merkel. "Renzi figlio di Angela"



La vittoria del Front National in Francia è la sconfitta dell’Europa tedesca. Non è solo un segnale, è uno smottamento dell’asse di potere che tiene sotto schiaffo il Continente, ed è costituito dalla coppia diseguale Germania-Francia, dove Parigi si è spartita privilegi accettando in cambio la propria subordinazione a Berlino. Ora Renzi ha poco da fingere di essere per il cambiamento dello stato delle cose a Bruxelles e a Strasburgo. Non finga e non menta, per favore. Il potere improvvido e semigolpista di Renzi - attacca il Mattinale, la nota politica redatta dallo staff del gruppo di Forza Italia della Camera dei Deputati - è un regalo fattogli proprio della Europa tedesca. Più in soldoni: Matteo è figlio di Angela. La Cancelliera per caricare l’Italia di pesi insostenibili durante la crisi economica l’ha occupata politicamente con la propria quinta colonna, mandando a gambe all’aria la nostra democrazia. Lo dice la storia. Nel 2011 fu il duo Merkel-Sarkozy ad aggredire l’Italia con l’arma impropria dello spread, costruita ad arte per buttare giù il governo legittimo di Silvio Berlusconi. M&S usarono della inerzia complice del Presidente della Repubblica Napolitano per imporci Mario Monti, gran figlio di golpe e promotore delle politiche di austerità che hanno tragicamente peggiorato la nostra condizione. Letta (non eletto) ha continuato in quella logica, tradendo la promessa delle larghe intese di pacificazione nazionale, e Renzi ora è arrivato a capeggiare l’esecutivo grazie a primarie private di un partito sfasciato. E questo stesso Renzi pretenderebbe di rappresentare la rivincita dell’Italia? Ma dove? Ma quando? Proiettale da un’altra parte le tue slides, please.

Continua il Mattinale: gli unici che hanno le carte in regola per rivendicare il ruolo di rivoluzionari dell’Europa e non contro l’Europa; per l’Europa degli europei e contro l’Europa dei tedeschi, anzi della Tedesca, siamo noi: Berlusconi e Forza Italia! Abbiamo la credibilità di chi ha pagato sulla propria pelle la resistenza all’invasione economica e alla devastazione della nostra democrazia perpetrata dai poteri insediatisi in Europa contro la vera anima europea. Noi soli abbiamo la fibra morale e la competenza tecnica per costruire un’alternativa a questa Europa che ha stufato i popoli. Non certo Renzi. Sia chiaro. Per un’Europa pienamente Europa. Pensare a una frammentazione dell’Europa in Stati nazionali, magari a loro volta spappolati in staterelli indipendenti, vorrebbe dire finire in balia di scontri di potere dove noi faremmo la figura di vasetti d’argilla tra vasi di ferro. Basta sollevare lo sguardo sopra i confini del nostro orto per scorgere il Mediterraneo che brucia oltre che i confini orientali del Continente. Già così l’Europa è debole, figuriamoci se si dividesse in ventotto parti che litigano e si alleano e poi tradiscono le alleanze come prima della Grande Guerra. Non esiste. Così come è improponibile, salvo un caos devastante, l’uscita dall’euro. Dobbiamo fare riforme in casa (e Renzi non ne è capace), e su questa base rivoltare l’Europa (e Renzi non può). Noi crediamo nell’Europa dei padri fondatori. Nell’Europa della solidarietà autentica e non del dominio tedesco. Non in una Europa mesta, dove noi saremmo una colonia meridionale di una specie di Quarto Reich. Un’Europa dove la posizione dell’Italia è rappresentata da un Renzi che, per non farsi riconoscere, esauriti gli slogan da festa delle matricole, se ne scappa per aprire la pratica della sua successione a Largo del Nazareno. Altri tempi quelli di Pratica di Mare... Possono tornare. Devono tornare. Torneranno.
 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
berlusconimerkelrenzigermaniaeuro
in evidenza
Addio al padre della giacca decostruita e maestro di Armani

Nino Cerruti

Addio al padre della giacca decostruita e maestro di Armani

i più visti
in vetrina
Sanremo 2022, diffuse le canzoni: tanto sentimento e poco Covid

Sanremo 2022, diffuse le canzoni: tanto sentimento e poco Covid


casa, immobiliare
motori
WRC, Pirelli: “Tante incognite per la prima stagione ibrida”

WRC, Pirelli: “Tante incognite per la prima stagione ibrida”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.