A- A+
Politica
Renzi stoppa la norma salva-Silvio. "Non facciamo leggi ad personam"

 

Il governo è costretto a fare marcia indietro e Matteo Renzi decide di stoppare i decreti delegati in materia di fisco dopo le polemiche sulla norma salva-Berlusconi contenuta nel provvedimento che avrebbe di fatto cancellato la condanna a 4 anni nel processo Mediaset. In un primo momento il presidente del Consiglio a Repubblica aveva detto: "Non credo sia così ma se così fosse sono pronto a bloccare la legge e a cambiarla". Detto fatto. Gli uffici di palazzo Chigi in mattinata fanno sapere che il premier "ha chiesto questa mattina agli uffici di non procedere - per il momento - alla formale trasmissione alla Camera del testo approvato in Consiglio dei Ministri. La proposta tornerà prima in Consiglio dei Ministri, poi alle Commissioni, quindi di nuovo in Consiglio per l'approvazione definitiva entro i termini stabiliti dal Parlamento e cioè entro marzo 2015".

"Tutte le volte che si parla di fisco è naturale intrecciarsi con uno dei tanti processi a Berusconi. Noi non facciamo norme né ad né contra personam. Se si pensa che poi ci sia chissà quale scambio, non c'è problema: rimandiamo tutto a dopo le votazioni per il Quirinale e la fine dei servizi sociali di Berlusconi a Cesano Boscone. I professionisti del retropensiero avranno modo di ricredersi", ha commentato il presidente del Consiglio Matteo Renzi al TG5. Mentre i suoi uffici difendevano la riforma del fisco. "I decreti delegati sul fisco - è scritto in una nota ufficiosa di Palazzo Chigi - segnano una rivoluzione nel rapporto tra fisco e cittadini, tra fisco e aziende

Intanto su Facebook il sottosegretario Faraone scriveva: "Il nostro governo fa norme che rispondono all'interesse dei cittadini. Di tutti i cittadini. Né norme ad personam né norme contra personam. Di tutto abbiamo bisogno tranne che dell'ennesimo dibattito sul futuro di un cittadino, specie in un momento come questo dove qualcuno teorizza strampalate ipotesi di scambi politici-giudiziari, anche alla luce del delicato momento istituzionale che il Paese si appresta a vivere".

La riforma del fisco torna dunque al Consiglio dei ministri. Per colpa di cinque righe, di un dettaglio. Se passasse così com'è infatti, come messo in evidenza da Repubblica oggi, Silvio Berlusconi potrebbe tornare candidabile praticamente da subito, comunque dalla primavera. La norma contemplerebbe una soglia del 3 percento dell'evasione rispetto all'imponibile, al di sotto della quale il reato non sarebbe più punibile penalmente. In altre parole, Berlusconi potrebbe vedersi derubricato il tipo di pena ad una semplice sanzione amministrativa. Ragion per cui decadrebbe la condanna che lo vede ai servizi sociali e, soprattutto, gli interdice la candidabiltà.

Intanto il premier si occupa anche degli altri fronti aperti e, se sull'attacco dei 5Stelle a proposito delle sue vacanze su volo di Stato spiega: "Finché sono presidente del consiglio seguo le regole di questo Paese, poi tornerò alla bicicletta. Ma nel frattempo, parliamo di cose serie", sul Quirinale è certo: "Dovremo scegliere una persona saggia ed equilibrata come Napolitano. Non sarà facile, ci vuole un arbitro che sia in grado di rappresentare l'unità d'Italia". "I nomi arriveranno dopo", ha spiegato il premier, "ora parliamo di cose concrete. L'importante è che non si facciano le figuracce dell'altra volta. Ci vuole una politica adulta in grado di decidere".

Tags:
berlusconirenzi

i più visti

casa, immobiliare
motori
Con Citroen Ami alla scoperta di Monza

Con Citroen Ami alla scoperta di Monza


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.