A- A+
Politica
C'era un clima poco sereno...". Caos Sardine a Pistoia, leggi la lettera

Due eventi, altrettanti gruppi Facebook e molta confusione. Sabato prossimo le Sardine si sarebbero dovute riunire a Pistoia in piazza dello Spirito Santo, ma l’evento non sarà appoggiato dai promotori del flash mob di Bologna. È stata una lite interna all’organizzazione a causare l’annullamento del ritrovo, poi ne è sorto uno parallelo.

Affaritaliani.it ha ricevuto una lettera da Riccardo, uno degli organizzatori dell'evento della Sardine che si sarebbe dovuto tenere a Pistoia

 

ECCO LA LETTERA

Salve, vi scrivo riguardo alla manifestazione delle Sardine che doveva esserci a Pistoia il 4 Gennaio, per fare un po' più di chiarezza. 

Io sono Riccardo ed ero uno degli "organizzatori" (o meglio, ero un amministratore del gruppo, mi ero proposto per dare una mano sui social) e sono uscito dall'organizzazione poco prima dell'annullamento definitivo dell'evento, poiché avevo avvertito un clima poco sereno e certi comportamenti non mi sono piaciuti. Ci sono state, da parte di alcuni amministratori, delle pretese e dei modi di fare poco consoni, non in linea con lo spirito del movimento.

Il fondatore del gruppo, poi, ha bannato tutti gli amministratori, anche me. Io, già i primi giorni, avevo segnalato alle altre amministratrici alcuni atteggiamenti non appropriati, mi ero accorto fin dal principio che qualcosa non andava (guardando anche i post sul suo profilo pubblico e alcuni messaggi in cui veniva usato un linguaggio un po' troppo offensivo o provocatorio), era una mina vagante pronta a esplodere, non si poteva fare finta di niente. Si doveva, quanto meno, provare a chiarire oppure fare una votazione per decidere come procedere (eventualmente fare anche un nuovo gruppo, da subito). Infatti, più si andava avanti, più aumentavano i problemi che avrebbero compromesso inevitabilmente l'evento e danneggiato l'immagine del movimento (non tanto di quello pistoiese, ma di quello nazionale), cosa che poi è successa, con molti articoli che sono usciti su tutti i quotidiani nazionali. Segnalai la cosa anche a un referente nazionale del movimento (che ha compreso praticamente subito la gravità della situazione e mi ha appoggiato), ma non poteva fare più di tanto sul momento.

Ci avevo visto lungo. Purtroppo non mi hanno ascoltato e questo è stato il risultato. Sono stato accusato, addirittura, di non essere interessato o di agire nel modo sbagliato, probabilmente a causa di qualche fraintendimento dovuto al clima teso che si era creato, quando invece ho dato una mano importante sui social per fare crescere il gruppo (fino a quasi 3.000 membri) e ho avvisato, fin da subito, dei rischi a cui si stava andando incontro. Se mi avessero dato retta magari non sarebbe successo tutto questo e il 4 Gennaio 2020 ci sarebbe stata una grande manifestazione anche a Pistoia. Il massimo che sono riusciti a fare, invece, è portare un centinaio di persone in piazza, senza un vero coinvolgimento.

Questo è quello che succede quando manca inclusione, trasparenza e correttezza, quando non si ascolta e si vuol far di testa propria, commettendo errori di sottovalutazione.

Così è andata, pazienza. Speriamo che serva da insegnamento. Quello che conta, alla fine, è cercare di fare sempre del nostro meglio (come e quando si può) e continuare a portare avanti i nostri valori per una società più giusta.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    sardinepistoiamanifestazione annullata
    in evidenza
    Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

    Corporate - Il giornale delle imprese

    Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

    i più visti
    in vetrina
    Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali

    Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali


    casa, immobiliare
    motori
    Nuova KIA EV6: arriva in Italia la rivoluzione elettrica coreana

    Nuova KIA EV6: arriva in Italia la rivoluzione elettrica coreana


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.