A- A+
Politica
Renzi: processo civile con tempi certi 10 miliardi di opere in 12 mesi

IL GELATO - Niente autoblu. Stavolta e' un carretto a essere 'parcheggiato' nel porticato di Palazzo Chigi. Probabilmente per la prima volta. Un carreto da gelataio, per la precisione. Impossibile non pensare alla copertina dell'Economist. Il gelato lo prende davvero. Servito da un classico carretto, dentro il cortile di Palazzo Chig. Matteo Renzi replica cosi' alla copertina dell'Economist. "Ho voluto scherzare. Ho letto il taglio e il tono di alcuni commenti, offesi perche 'l'Italia e' stata insultata. Commenti che ho trovato davvero persino fuori scala". Matteo Renzi rientra in sala stampa a Palazzo Chigi, e spiega cosi' la gag del gelato con tanto di carretto. "Ho voluto con una battuta dimostrare che rispetto ai pregiudizi che l'Italia ancora suscita bisogna essere capaci di sdrammatizzare", aggiunge. Certo, dice ancora, "e' piu' buono il gelato artiginale che quello confezionato - come quello sulla copertina ironica dell'Economist - ma noi non ci offendiamo per le critiche che arrivano da chicchessia". "Vi offro volentieri il gelato, e' vero gelato italiano, genuino. Potete pure rompere le righe e venire ad assaggiare il gelato". Cosi' il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, si e' rivolto a cronisti ed operatori tv nel cortile d'onore di palazzo Chigi. Il premier si e' presentato assieme a un carretto di gelati della ditta Grom, trasportato da un gelataio della nota catena. Detto questo, Renzi ha preso in mano un cono e lo ha offerto simbolicamene ai presenti. Ovvia, come poi ha esplicitato entrato in sala stampa, la replica alla copertina satirica dell'Economist.

80 EURO - Archiaviata l'operazione gelato, Matteo Renzi in sala stampa a palazzo Chigi ribatte a chi "dice, leggo, che gli 80 euro non sevono? Rispetto la posizione ma dico che c'e' un disegno ideale e ideologico dietro parte del mondo economico che dice dovremmo ridurre il salario ai lavoratori", e il presidente del Consiglio mette nel mirino anche "editoralisti e commentatori autorevoli". "Non e' facendo cio' che fanno tutti, ma facendo cose diverse che usciremo dalla crisi". Lo ha detto Matteo Renzi in conferenza stampa a Palazzo Chigi. "Noi ci impegnamo a confermare l'ecobonus e aggiungiamo misure di sostegno come le facilitazioni per gli impianti di riscaldamento". "Autorevoli editorialisti raccontano che se l'Italia facesse almeno cio' che fanno tutti sarebbe piu' competitiva. Non e' riducendo il salario del lavoratore che l'Italia uscira' dalla situazione di crisi".

SCUOLA - "Non abbiamo messo oggi interventi sulle questioni della scuola ma il programma e' pronto e senza problemi di coperture. E' una riforma che fara' data a partire dal 2015. E' chiaro che non si puo' partire dal 1 settembre. Dovevamo evitare troppa carne al fuoco, una questione di buon senso". Lo dice Matteo Renzi annunciando che la "presentiamo mercoledi'".

GIUSTIZIA - Nel 'pacchetto giustizia' "ci sono le norme su autoriciclaggio, falso in bilancio e prescrizione. E' c'e' la responsabilita' civile dei magistrati, cosi' che 'chi sbaglia paga', una regola di buonsenso non punitiva". Lo ha detto il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, in conferenza stampa a Palazzo Chigi.

CRESCITA - "Da alcune discussioni avute con i colleghi europei abbiamo convenuto che la situazione europea e' preoccupante e la presidenza italiana il 6 di ottobre indira' un appuntamento, un vertice ad hoc come quello che Hollande ha lanciato sul Financial Times. Il 6 di ottobre l'Europa si riunira' per discutere delle questioni legate alla crescita".

SBLOCCA ITALIA - "Nei prossimi 12 mesi saranno destinati 10 miliardi a sbloccare le opere". Lo ha detto il premier Matteo Renzi. Il decreto Sblocca Italia mette a disposizione 4,6 miliardi per 5 investimenti aeroportuali.

LAVORO - "Non credo che i posti di lavoro si creino per decreto. Ecco perche' continuo a dire che l'Italia ce la puo' fareI. L'Italia e' nelle condizioni di uscire dalla crisi". Lo ha detto il premier Matteo Renzi in conferenza stampa a Palazzo Chigi. "Il dato dei posti di lavoro e' il dato che a me piu' colpisce: continua ad essere positivo il dato sul pbreve termine, gli occupati sono tornati a crescere, ma ad oggi e' un dato preoccupante, mi preoccupa di piu' dei dati sulle previsioni", ha aggiunto Renzi.

I CONTRASTI CON I MINISTRI - "Voglio dire a Feltri che non c'e' nessun contrasto con nessun ministro. Ho letto che avrei litigato anche con Lotti, una cosa da standing ovation. Non c'e' alcuna tensione con i ministri, in agosto ho letto che avrei litigato con tutti, anche con Padoan e con Giannini che non e' stata invitata alla riunione con i parlamentari del Pd sulla Scuola. Giannini non si e' ancora iscritta al Pd. Lo ha detto Matteo Renzi in conferenza stampa a Palazzo Chigi. "Poi e' chiaro che non pensiamo sempre le stesse cose con Giannini e gli altri ministri, ma credo che questa sia una questione di igiene mentale", ha aggiunto Renzi.

UE - L'Italia "ha dato all'Europa piu' di quello che ha ricevuto". Lo ha dichiarato in conferenza stampa il premier Matteo Renzi. "Quando si parla di modello spagnolo va ricordato che l'Italia ha contribuito con i propri denari a salvare le banche spagnole e nessuno in Europa ha salvato istituzioni ialiane, ci siamo salvati da soli", ha proseguito Renzi, "il racconto di un paese che ha bisogno dell'Europa per salvarsi soffre di un terribile provincialismo", ha detto ancora il premier, "siamo quelli che hanno dato molto e preso poco , e' ora di finirla con la storia che andiamo in Europa per chiedere soldi, noi andiamo in Europa per offrire".
 

Tags:
cdm

i più visti

casa, immobiliare
motori
Mustang Mach-E: Il primo SUV completamente elettrico di Ford

Mustang Mach-E: Il primo SUV completamente elettrico di Ford


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.