A- A+
Politica
Corruzione, Nordio: "Impunità per chi paga mazzette ma decide di collaborare"

Corruzione, Nordio: "Bisogna fare in modo che il corrotto collabori"

Scoppia la polemica per le dichiarazioni del neo ministro della Giustizia Carlo Nordio sulla questione "corruzione". Il Guardasigilli pensa ad una nuova norma per stanare chi paga le mazzette, ma l'ipotesi ventilata - si legge su Repubblica - scatena la bufera politica. Per Nordio "il potenziale corruttore non va intimidito, ma va disarmato". E "inasprire le pene e creare reati non serve assolutamente a nulla". Bisogna solo fare in modo che "il potenziale corrotto collabori". Peccato che, come sottolinea Raffaele Cantone proprio su Repubblica, questa norma già esiste ma non ha avuti effetti.

Questa misura - prosegue Repubblica - Nordio l'aveva teorizzata varie volte, sollevando le proteste dei suoi colleghi. Che gli rimproverano, da procuratore aggiunto a Venezia, di non aver portato a casa grossi risultati. Lui, ovviamente, la pensa all'opposto. Tant'è che cita la cosiddetta "Tangentopoli veneta" e l'inchiesta sul Mose, che definisce come "il più grande episodio di corruzione nazionale". "Bisogna - spiega Nordio - interrompere la convergenza di interessi", nel senso che sia il corruttore che il corrotto "sono punibili per il reato di corruzione e quindi entrambi hanno interesse a tacere quando vengono interrogati dal magistrato, perché possono avvalersi della facoltà di non rispondere".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
carlo nordiocorruzionegiustizia





in evidenza
Fagnani in crisi con Mentana? L’indizio rivelatore che incuriosisce

La coppia più famosa del giornalismo

Fagnani in crisi con Mentana? L’indizio rivelatore che incuriosisce


in vetrina
Testamento, Raffaella Carrà senza figli: ecco a chi va la ricca eredità

Testamento, Raffaella Carrà senza figli: ecco a chi va la ricca eredità


motori
Fiat: Partner di Torino Capitale della cultura d’impresa 2024

Fiat: Partner di Torino Capitale della cultura d’impresa 2024

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.