A- A+
Politica
Covid, la Lega voterà le nuove restrizioni. Così ha un credito. Come lo userà
(fonte Lapresse)

Niente da fare. Ormai è chiaro che sul tema delle riaperture Matteo Salvini resterà deluso. La linea del presidente del Consiglio, quella di attenersi scrupolosamente ai dati e al parere dei tecnici, mal si concilia con le dichiarazioni che da settimane sta facendo il leader della Lega tutte improntate alla "rinascita" dell'Italia e degli italiani in aprile e subito dopo le festività di Pasqua. Nessuna zona gialla sicuramente fino a metà aprile e, probabilmente, nessuna sostanziale novità fino a maggio.

Qualcuno si chiede se davvero il Carroccio seguirà il consiglio dell'euroscettico Claudio Borghi di non votare in Aula il prossimo Decreto Covid, dando così vita alla prima clamorosa spaccatura nella maggioranza di "alto profilo" voluta dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Fonti qualificate della Lega assicurano che "non si arriverà fino a questo punto", nonostante "oggettivamente il malumore tra i deputati e i senatori" del Carroccio sia "forte". In Via Bellerio, però, affermano che non tutto il male vien per nuocere. Anche perché se la Lega voterà in Parlamento le misure del premier, pur non condividendole, avrà poi "credito" da spendere successivamente su altre, importanti, partite. Ad esempio, spiegano fonti leghiste, sulla cancellazione delle cartelle esattoriali decisa con l'ultimo Decreto Sostegni.

L'obiettivo è quello di elevare il tetto del reddito attualmente stabilito a 30mila euro per poter beneficiare del condono. Il tutto con la speranza di poter aumentare anche il numero degli anni sui quali si interviene. Altro capitolo è quello del nuovo scostamento di bilancio che verrà votato in Parlamento probabilmente intorno alla metà di aprile o subito dopo. Su questo punto il Carroccio punterà in alto con l'obiettivo di arrivare intorno ai 40-50 miliardi di euro da utilizzare per nuovi indennizzi a favore delle categorie maggiormente colpite anche dalle ultime chiusure decise dal governo Draghi. Insomma, Salvini fa buon viso a cattivo gioco. Insiste sulla linea di "aprile mese delle riaperture" sapendo che quasi certamente non sarà così e portando a casa però un credito da spendere a stretto giro di posta su altri fronti.

Commenti
    Tags:
    lega draghigoverno salvini
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Miriam Leone, doccia bollente L'attrice si leva i vestiti. Foto

    Tatangelo, Belen... Gallery vip

    Miriam Leone, doccia bollente
    L'attrice si leva i vestiti. Foto

    i più visti
    in vetrina
    Elisabetta Canalis, zip della tuta giù: scollatura da infarto. Maddalena Corvaglia senza reggiseno

    Elisabetta Canalis, zip della tuta giù: scollatura da infarto. Maddalena Corvaglia senza reggiseno


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Arrivano le nuove Alpine A110 Trackside!

    Arrivano le nuove Alpine A110 Trackside!


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.