A- A+
Politica
Draghi, le regioni e la controriforma del Titolo V°

Le parole odierne di Mario Draghi nei confronti delle Regioni sono dure, ma non sproporzionate rispetto alla realtà. Non è certo il caso di generalizzare, ma in alcune di esse la situazione è veramente inaccettabile. E certamente sarebbe il caso che lo Stato intervenisse sui casi più eclatanti, perché ci sono in ballo vite umane.

Il fatto che la situazione non sia uguale in tutte le Regioni non è un’attenuante: è esso stesso il problema.

Nella sua drammaticità, la pandemia di Covid-19 ha portato alla luce l’assoluta inadeguatezza di un sistema sanitario spezzettato tra venti amministrazioni regionali, ognuna delle quali si muove per conto proprio, determinando inaccettabili squilibri tra cittadini di serie A e serie B.

Oltretutto, la natura stessa del Coronavirus ci ha fatto dolorosamente capire come sia impensabile frammentare un territorio relativamente piccolo come quello italiano: la risposta adeguata alla minaccia pandemica dovrebbe infatti essere non solo su scala nazionale, bensì europea.

Se anche riuscissimo ad uscire da questo incubo in tempi accettabili, il problema non sarebbe risolto. La scienza ci dice che nel prossimo futuro saranno ancora più probabili ulteriori pandemie, ma già la questione del climate change impone una strategia transnazionale. E siamo già in terribile ritardo.

Per questo motivo è davvero auspicabile che alle parole di oggi seguano dei fatti: bisogna necessariamente calendarizzare una discussione sul ritorno allo Stato delle competenze sanitarie, devolute alle Regioni con la riforma del Titolo V° della Costituzione. Vent’anni dopo, oltre ai gravissimi danni per le famiglie le imprese, il Covid-19 ci ha messo sulle spalle la pressane urgenza di porre rimedio a una scelta che si è dimostrata iniqua, inefficiente e anche antistorica.
 

Commenti
    Tags:
    draghile regioni e la controriforma del titolo v° covid sanità
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Il vaccino preferito dagli italiani? Pfizer? Ma va: l'Acqua di Lourdes

    Covid vissuto con ironia

    Il vaccino preferito dagli italiani?
    Pfizer? Ma va: l'Acqua di Lourdes

    i più visti
    in vetrina
    Elisabetta Canalis, zip della tuta giù: scollatura da infarto. Maddalena Corvaglia senza reggiseno

    Elisabetta Canalis, zip della tuta giù: scollatura da infarto. Maddalena Corvaglia senza reggiseno


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Seat Arona, nuovo look e interni rinnovati

    Seat Arona, nuovo look e interni rinnovati


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.