A- A+
Politica
Santori "il fighetto" sente l'odore del potere e attacca la Meloni

"Forse i pescetti salati pensano che gli italiani siano così fessi da non capire che sono proprio loro, le sardine e similari ad essere i ricchi..." 

Tremate tremate le sardine son tornate

Gli occhi spiritati dello scaltro Mattia Santori hanno ricominciato a lampeggiare sulfurei dardi nel cielo della politica nostrana e prettamente emiliana. Sente odore di posti e di Potere e lui c’ha i lettiani “occhi di tigre” per questo genere di cose. Il fighetto leader del partito ittico -che si è furbamente ficcato nel consiglio comunale di Bologna- ha improvvisamente dato di matto nella relativa tranquillità della controra estiva.

Un governo di centro – destra guidato da Giorgia Meloni “tutelerebbe i ricchi ed emarginerebbe i deboli”. Con lei leader avremmo “un’Italia conservatrice, in cui si tutelano gli italiani, i ricchi, i bravi, i non deviati, mentre gli emarginati, le persone fragili, i diversi resterebbero emarginati. Ci verrebbe spiegato che non sono gli ultimi a meritare i diritti ma che siamo noi a non meritarci loro. È indubbio che una vittoria di questa destra sarà un duro colpo ai diritti, motivo per cui è bene iniziare a creare dei presidi dal basso”. Il che –detto tra noi- s’ha già di consapevolezza della sconfitta inevitabile.

E poi la perla finale:

Meloni, Salvini, Berlusconi sono solo la punta dell'iceberg di una destra incapace di affrancarsi dal populismo. Se vince la destra è indubbio il rischio di un pericolo democratico. Sul tema dei diritti sappiamo bene come la pensano i partiti di quella coalizione”.

Uno dirà, ma come mai il furbacchione dai capelli crespati è ricomparso proprio ora?

Ma perché appunto i pescetti salati si vedranno a Roma a breve tutti belli ammassati -come i loro nome auspica- per dare una mano alle Covid Star preoccupate per l’abbassamento dei contagi estivo.

E che li vogliamo lasciare senza lavoro povere stelle?

Ma soffermandosi su quanto ha detto la Sardina Capa poi viene naturale una considerazione.

La destra –a suo dire- sarebbe populista invece lui e le sardine cosa sono? Un convento di padri rogazionisti che vive isolato nei deserti della Giordania?

Forse i pescetti salati pensano che gli italiani siano così fessi da non capire che sono proprio loro, le sardine e similari ad essere i ricchi, gli abitanti mortedellati delle Ztl bolognesi, i radical chic ingrifati di tartine al salmone e non la destra.

Sono anni che gente come Santori sfrutta tutti i benefici del Potere e della Ricchezza sputando regolarmente nel piatto in cui mangia perché questa è la tecnica di queste barbettine metropolitane che hanno anche la faccia tosta di richiamarsi ai barbudos veri, come Fidel Castro e Che Guevara. Gente che le sardine se le mangiava come condimento e non come impegno politico.

Movimenti come questi danno il segno del livello di degrado a cui è giunta certa sinistra salottiera che ha tradito tutti gli ideali pur di agganciarsi al carro dei privilegi.

“Quando guardi a lungo l’abisso poi l’abisso guarda te”, diceva Friedrich Nietzsche ma forse Santori l’unica cosa che può guardare è un bel piatto costoso di pesce fresco in un ristorante di lusso della sua Bologna mentre di rimando una sardina gli fa l’occhiolino, tra simili si riconoscono.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    elezionigovernosardine





    in evidenza
    World Press Photo, ecco la foto vincitrice del 2024

    La “Pietà” di Gaza

    World Press Photo, ecco la foto vincitrice del 2024

    
    in vetrina
    Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

    Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024


    motori
    Citroën rivoluziona il mercato con la Nuova C3 Aircross

    Citroën rivoluziona il mercato con la Nuova C3 Aircross

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.