A- A+
Politica
Falso in bilancio, il governo salva la legge ad personam di Berlusconi

"Dopo il 'salva-Berlusconi' inserito dalla manina di Renzi nel decreto sulla delega fiscale, spunta un'altra vergognosa magagna firmata dal governo. Con il pacchetto anticorruzione in esame in commissione Giustizia al Senato, il governo, sollecitato soprattutto dal Movimento 5 Stelle, doveva reintrodurre il reato di falso in bilancio. Invece, all'improvviso, e' spuntata una magica manina che ancora una volta ha cambiato le carte in tavola e ha lasciato tutto esattamente com'e'". Lo affermano i parlamentari M5S della commissione Giustizia del Senato.

"Con un emendamento presentato al testo base della Commissione - spiegano - il governo ha mantenuto quelle cause di non punibilita' che erano state introdotte da Berlusconi e che prevedevano chiaramente che chi falsifica il bilancio in misura inferiore al 5% del risultato economico di esercizio, cioe' dell'utile d'impresa, o nella misura dell'1% del patrimonio netto, non e' penalmente perseguibile. Risultato: Renzi andra' in tv a dire di aver reintrodotto il reato di falso in bilancio e di aver innalzato le pene per chi commette questo reato, ma la verita' e' che lascia intatta quella stessa depenalizzazione che ha permesso a Berlusconi e molti altri di farla franca".

Tags:
falsobilanciogovernoleggead personamberlusconi

i più visti

casa, immobiliare
motori
MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat

MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.