A- A+
Politica
FdI, Fidanza patteggia: 1 anno e 4 mesi per corruzione. Lo scambio di poltrone
Carlo Fidanza

Fidanza e l'accordo con la Procura: niente interdizione dai pubblici uffici

Carlo Fidanza ha trovato l'accordo con la Procura, patteggerà la pena nell'inchiesta che lo vede coinvolto per corruzione. L'eurodeputato di Fratelli d'Italia, così come l'altro politico del partito coinvolto nell'indagine Giangiacomo Calovini, hanno concordato con i pm di Milano - si legge sul Corriere della Sera - una condanna a un anno e 4 mesi. pena sospesa e senza interdizione dai pubblici uffici. Stando alle indagini dei pm milanesi, l'ex consigliere comunale di Brescia Giovanni Acri, sempre di Fdi, avrebbe lasciato il suo incarico, il 25 giugno del 2021, facendo subentrare in Consiglio comunale il primo dei non eletti, ossia Calovini (poi diventato deputato), vicino alla corrente politica di Fidanza.

Leggi anche: "Lobby nera”, Fidanza guarda oltre: “Ho scelto di patteggiare con serenità"

Iscriviti alla newsletter
Tags:
carlo fidanza





in evidenza
Matteo Berrettini is back, che balzo in classifica Atp: oltre 30 posizioni

Così è rinato il tennista azzurro

Matteo Berrettini is back, che balzo in classifica Atp: oltre 30 posizioni


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
Luca de Meo CEO Renault: "serve flessibilità per la transizione ai veicoli elettrici"

Luca de Meo CEO Renault: "serve flessibilità per la transizione ai veicoli elettrici"

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.